Nubifragio e grandine: Vendramini richiede lo stato di crisi

PONTE NELLE ALPI – Dopo un’attenta valutazione dei danni da parte dei tecnici del Comune di Ponte nelle Alpi, è stato richiesto alla Regione lo stato di crisi per la calamità del 21 giugno scorso.

Il nubifragio e la grandine, con i Coi de Pera coinvolti in maniera particolare, hanno provocato danni notevoli soprattutto alle aziende agricole, rovinando i raccolti e mettendo a repentaglio la stagione.

«Nel corso della sera e della notte del 21 giugno – afferma il sindaco di Ponte nelle Alpi, Paolo Vendramini – ci siamo subito resi conto delle criticità. La mattina, visitando diverse case private e aziende agricole, abbiamo provveduto a effettuare tutte le indagini del caso. Quindi si è resa necessaria la richiesta di calamità per venire incontro alle richieste del territorio».

Commenta per primo

Lascia un tuo commento all'articolo ...

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.