Passo indietro: il Cjarlins Muzane vince e scavalca i dolomitici

BELLUNO – Un passo indietro, dopo la splendida vittoria sul campo del Caldiero Terme: a distanza di sei giorni dal blitz in terra veronese, la SSD Dolomiti Bellunesi è costretta a lasciare strada al Cjarlins Muzane. Grazie a una rete per tempo, i friulani strappano il bottino pieno e superano in graduatoria proprio i “blancos”, che rimangono in ottava posizione, a braccetto col Cartigliano. Fatale il gol subìto all’ultimo istante della frazione iniziale: un gol che ha indirizzato il posticipo in direzione di Carlino. È il secondo stop interno di fila, il dodicesimo in campionato. E così l’idea di agganciare il treno playoff è destinata a rimanere tale. 

Partono subito a mille all’ora gli ospiti, che costringono i dolomitici a un triplo e miracoloso salvataggio davanti alla porta: Rocco viene stoppato prima da Canova, poi da Gjoshi e in terza battuta è Petdji a stoppare Banse. I padroni di casa, però, non rimangono a guardare e il colpo di testa di Episcopo sfiora la traversa. Ma la qualità offensiva del Cjarlins emerge con forza nel finale di tempo, quando Varano sfiora l’incrocio e, a pochi attimi dalla pausa, Rocco deposita in rete un pallone respinto da Canova su bolide di Banse. 

Lo stesso Canova, nella ripresa, si prende la rivincita su Rocco con un pregevole intervento, ma capitola sul velenoso rasoterra di Varano: nella circostanza, non mancano le proteste dolomitiche per un possibile offside di Rocco. Ma l’arbitro convalida e, a metà ripresa, il doppio svantaggio suona già come una condanna. Anche se la SSD Dolomiti Bellunesi prova a rimettere tutto in discussione: in particolare con Corbanese, a cui viene annullata la rete della speranza. Il posticipo è stregato.

«A Caldiero – è l’analisi di mister Alessandro Ferro – siamo riusciti a tramutare gli episodi in maniera positiva, stavolta è andata diversamente. Sapevamo che i nostri avversari hanno individualità importanti. E il fatto di aver preso gol a 10 secondi dalla fine del tempo ci ha penalizzato: dovevamo gestire meglio il possesso palla. Nella ripresa, invece, c’è stato un episodio un po’ così». E il riferimento è al contestato raddoppio firmato da Varano: «I ragazzi hanno fatto quello che dovevano fare. Siamo a fine stagione e forse sono mancate un po’ le forze. Un paio di fuoriquota non erano al top della condizione e si sono allenati poco: siamo arrivati con la benzina in riserva in alcuni ruoli chiave. Anche se questo non vuol essere un alibi».

DOLOMITI BELLUNESI 0 – 2 CJARLINS MUZANE

GOL: pt 47’ Rocco; st 21’ Varano. 

DOLOMITI BELLUNESI: Canova, Gjoshi, Mosca (st 40’ Sommacal), De Leo (st 5’ De Carli), Teso (st 33’ Posocco), Petdji, Onescu, Episcopo (st 12’ Raimondi), Corbanese, De Paoli (st 25’ Faraon), Cossalter (a disposizione: Masut, Poggiato, Tibolla, Cortina). Allenatore: A. Ferro.

CJARLINS MUZANE: Barlocco, Bran (st 25’ Cucchiaro), Ndoj, Tobanelli, Dall’Ara, Pignat, Forestan, Agnoletti (st 32’ Venitucci), Banse (st 45’ Akafou), Varano, Rocco (st 37’ Spetic) (in panchina: Moro, Del Savio, Ristic, Brigati, Palmegiano, Akafou). Allenatore: N. Pradolini. 

ARBITRO: Gabriele Cortale di Locri (assistenti: Francesco Macchi di Gallarate e Alex Arizzi di Bergamo).

NOTE. Spettatori: 200 circa. Ammoniti: Varano, Gjoshi, Agnoletti. Angoli: 5-0 per la SSD Dolomiti Bellunesi. Recupero: pt 2’; st’ 5.

1 Trackback / Pingback

  1. Ultim’ora Passo indietro: il Cjarlins Muzane vince e scavalca i dolomitici – Ultim’ora

Lascia un tuo commento all'articolo ...

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.