TEDxBelluno, il 18 giugno la prima edizione

BELLUNO – È in programma sabato 18 giugno a Palazzo Bembo a Belluno la prima edizione di TEDxBelluno, intitolata Disruption, che ha l’obiettivo di coinvolgere tutta la provincia e far partire un movimento che supporti la nascita, la condivisione e la crescita di nuove idee che vale la pena condividere.

Il titolo della prima edizione vuole essere un messaggio importante. Nella nostra visione Disruption è un termine che va oltre all’innovazione tecnologica. La Disruption di cui parleranno i nostri ospiti è un atteggiamento mentale. È la continua ricerca del miglioramento e non del cambiamento fine a sé stesso. La Disruption quindi può essere ovunque, in tutti i settori e in tutti gli ambiti.

«Ognuno di noi – dichiara Alberto Nalin, Curator dell’evento – soprattutto in momenti come quelli che stiamo vivendo, può essere disruptive; può uscire dagli schemi, creare nuove strade, non avere paura del “diverso”, guardare le cose da altre angolazioni e abbracciare altri punti di vista per crearne di nuovi.»

«In questo momento storico è fondamentale lavorare sull’innovazione e sul cambiamento – sottolinea Jacopo Massaro, sindaco di Belluno – quello che abbiamo vissuto in questi ultimi anni ci deve portare a pensare in modo diverso allo sviluppo delle comunità e dei territori, sotto il profilo tecnologico, ambientale e socio-economico. Su questo abbiamo lavorato molto come amministrazione, stringendo rapporti anche a livello internazionale per studiare le soluzioni migliori per la nostra città. Come dimostrano le esperienze della Luiss e di InLab e quelle archiviate da poco delle assemblee di Cittaslow e delle Città Alpine, Palazzo Bembo si conferma la sede ideale per lo studio e la ricerca, e l’appuntamento di giugno con TEDx ne è la riprova. Ringrazio quindi chi ha voluto portare qui questa iniziativa e tutti quelli che già da ora stanno lavorando per la sua organizzazione»

Cos’è TEDx.

TED è un’organizzazione no-profit nata con l’obiettivo di diffondere idee di valore attraverso il motto «Ideas Worth Spreading». La prima conferenza TED del 1984 fu una conferenza sulla tecnologia, l’intrattenimento e il design. Oggi invece le conferenze TED trattano una grandissima varietà di argomenti, dalla scienza, al business, alle tematiche globali, in più di 117 lingue.

Il principale evento TED, nato e cresciuto nella Silicon Valley, si tiene ormai da qualche anno a Vancouver in Canada. I relatori sono invitati a raccontare le proprie idee e intuizioni in massimo 18 minuti: i video sono poi raccolti sulla piattaforma www.ted.com e messi a disposizione degli utenti web.

TED inoltre promuove il programma TEDx, che consiste in una serie di eventi locali, organizzati in modo indipendente in tutto il mondo, sotto licenza concessa da TED, e che hanno come obiettivo quello di riunire comunità, organizzazioni, individui che possano vivere un’esperienza simile a quella proposta da TED.

Per questo TEDxBelluno, patrocinato dal Comune di Belluno, vuole essere un evento che riunisce tutto il territorio e che porterà sul palco non solo speakers di spessore che saranno presto annunciati, ma anche una performance artistica che coinvolgerà tutti i partecipanti. 

«Abbiamo voluto fortemente portare questo format nella nostra città. – dichiara Michele Da Rold, Founder dell’iniziativa – La squadra è già composta da oltre 30 volontari che hanno abbracciato con entusiasmo questa iniziativa. È il segnale che tutta la provincia ha bisogno di iniziative come queste e che questa prima edizione sarà l’inizio di un bellissimo percorso di condivisione e diffusione di idee che possono migliorare il mondo».

Sono aperte le candidature per tutti i ragazzi e ragazze, sopra i 18 anni d’età, che volessero partecipare volontariamente all’organizzazione dell’evento: per candidarsi basterà scrivere a info@tedxbelluno.com.

1 Trackback / Pingback

  1. Ultim’ora TEDxBelluno, il 18 giugno la prima edizione – Ultim’ora

Lascia un tuo commento all'articolo ...

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.