Il Drago di Belluno pronto per la sua Granfondo

BELLUNO – E’ iniziato il conto alla rovescia per la prima edizione della Granfondo del Dragone di Belluno.

Domani dalle ore 15 in Piazza dei Martiri la consegna dei pettorali e poi il Drago di Belluno, domenica 29 agosto, spiccherà il volo alle ore 7.30 verso l’Alpago con passaggi spettacolari con vista sul lago di Santa Croce, Limana e la Valmorel e arrivo in Nevegàl dove proprio 10 anni fa il campione Alberto Contador mise il sigillo sulla crono di Belluno al Giro d’Italia indossando proprio la maglia rosa.

Il nome dell’evento ciclistico deriva dal Drago contenuto nello stemma araldico del Comune di Belluno, misto alle leggende che da sempre animano la narrativa bellunese che richiama ad un dragone nascosto in fondo al lago di Santa Croce.

La corsa è firmata Decathlon di Ponte nelle Alpi, un partner speciale per gli organizzatori dell’Asd Dolomiti Psg, tanto da schierare una squadra di giovani ciclisti al via e uno staff di meccanici che saranno a disposizione dei partecipanti fino a pochi minuti prima della partenza per una controllatina alle biciclette last minute e una registrata più attenta nel post granfondo.

Si tratta di 117km totali per un dislivello complessivo di circa 2.700mt, sei i comuni attraversati oltre a Belluno ci sono Limana, Ponte nelle Alpi, Alpago, Tambre, Chies. Che sono i comuni che stanno lavorando per portare il Giro d’Italia proprio nello stesso percorso. I ristori saranno due: al km 40.2 in località Sant’Anna (gestito dal quartiere Santo Stefano del Palio di Feltre) e al km 91.7 in località Visome (gestito dai donatori di sangue di Visome), in questo secondo punto ci sarà anche il cancello orario per restare in gara (passaggio entro le ore 13.00).

Tempo massimo finale: ore 15.00.

Arrivo nel piazzale del Nevegàl e pasta party (dalle 12) e premiazioni (dalle 12.45) in Pian Longhi, centro sportivo poco distante, qui sarà allestito anche un bike park custodito che consentirà ai ciclisti di rilassarsi senza ansia di dover stare attenti alle proprie biciclette.

Al via della prima edizione ci sono partecipanti da 20 province: oltre a Belluno e alle province Venete arrivano da Bolzano, Cremona, Milano, Sondrio, Torino e anche alcuni stranieri provenienti da Svizzera, Austria e Slovenia

«Siamo pronti per questa edizione zero – ha spiegato Ivan Piol, direttore generale della granfondo – visto il periodo difficile e post covid e lo spostamento di molti eventi in questo stesso periodo, per noi la cosa importante è partire e iniziare questa nuova avventura che siamo certi negli anni porterà molte persone a riscoprire una parte di Bellunese meno frequentata dai ciclisti ma non meno spettacolare e suggestiva».

«A noi azienda al primo anno di attività nel Bellunese – ha spiegato Marco Denti, direttore di Decathlon Ponte nelle Alpi – piaceva molto l’idea di sostenere un evento nuovo come noi e interessante che valorizza il territorio.“La bicicletta rappresenta un’opportunità straordinaria di valorizzazione del territorio ed eventi come la Grafondo del Dragone sono occasioni da cogliere – ha detto Marco Bogo, assessore allo sport del Comune di Belluno – questo è un anno zero, gettiamo le basi per un futuro in cui il comune di Belluno vuole essere protagonista importante nel mondo del ciclismo».

Con il pettorale numero 1 ci sarà l’onorevole Roger De Menech, deputato ed ex ciclista con i colori della Sc Alpago, tester del percorso qualche settimana fa e conoscitore delle salite del territorio. «Ho pedalato sulle salite del Dragone con l’amico giornalista ed ex ciclista Ilario Tancon proprio qualche settimana fa – ha raccontato De Menech alla conferenza stampa di presentazione – il nostro territorio è ricco di passaggi suggestivi, è fatto per chi ama la bicicletta e la granfondo del Dragone va proprio nella direzione di valorizzarlo. I partecipanti si divertiranno sicuramente e resteranno affascinati da quello che vedranno».

Commenta per primo

Lascia un tuo commento all'articolo ...

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.