Rinvio sci a marzo, Bond: «La morte della montagna. Intanto Roma è piena di gente»

BELLUNO – «Il dietrofront del Cts sugli impianti di risalita è incomprensibile. O i dati erano sbagliati qualche giorno fa, quando è arrivato l’ok all’apertura per il 15 febbraio, oppure è sbagliata la nuova chiusura prolungata. In questo tira e molla però la montagna muore».

È quanto afferma il deputato di Forza Italia Dario Bond, alla notizia dello slittamento dopo il 5 marzo per l’apertura degli impianti di risalita.

«Alberghi e località turistiche aspettavano la giornata del 15 febbraio come una data simbolo per salvare il salvabile di una stagione ormai compromessa e defunta. Ora cosa accadrà? Chi era pronto per partire domani avrà i ristori? Quel che è vergognoso è ancora una volta la differenza di trattamenti a sfavore della montagna. A Roma, domenica da zona gialla, era pieno di gente, con file nei bar e nei negozi. O le varianti del virus esistono ovunque oppure c’è una disparità inaudita: in montagna, all’aria aperta e con tutti i protocolli di sicurezza previsti dagli impiantisti non si arriverà mai agli assembramenti visti oggi nella capitale».

Informazioni su Redazione 11140 Articoli
GOBelluno Notizie © è un quotidiano on line che tratta argomenti inerenti alla Provincia di Belluno. E' una testata giornalistica registrata al Tribunale di Belluno in data 21/12/2011 al n. 7 del Registro della stampa e con Direttore Luca Mares.

Commenta per primo

Lascia un tuo commento all'articolo ...

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.