Cortina 2021: dopo tre giorni di maltempo, assegnate solo medaglie di “ghiaccio”

CORTINA D’AMPEZZO – Partenza sfortunata per i Campionati Mondiali di sci alpino a Cortina, dalla serata dell’inaugurazione (dove la neve copiosa si è abbattuta sulla perla delle Dolomiti in modo violento) non ha più concesso tregua agli organizzatori.

Nella giornata di Lunedi, dove era prevista la prima gara di combinata femminile, nonostante l’inversione tra le manche di gigante con lo slalom, l’abbondante nevicata della sera precedente non ha permesso il regolare svolgimento della competizione. Tutto rinviato al giorno successivo! Aimè anche Martedì, a causa della nebbia il SuperG donne è stato rinviato per la nebbia comparsa proprio quando Marta Bassino, col pettorale numero 1 era pronta al cancelletto di partenza. È iniziata la lunga attesa nella speranza che il meteo migliorasse, si è provato anche ad abbassare la partenza al Duca d’Aosta ma non c’è stato verso. Alle 14.30 è arrivata la decisione di cancellare la gara.

Inizio certamente poco felice per il comitato organizzatore che, nonostante gli sforzi e le preparazioni impeccabili alle piste, non ha visto ancora nessuna partenza ufficiale alle gare.

Oggi, nella giornata di Mercoledì, la neve ha dettato nuovamente il programma (ma la FISI aveva già prontamente comunicato alle squadre lo “stop” per condizioni meteo avverse) e pertanto gli atleti sono rimasti nuovamente in albergo a fare preparazione muscolare.

Marta Bassino e Federica Brignone sono state ospiti di “Casa Italia” e sono state intervistate per la gioia dei fans italiani (diretta visibile sia a Casa Veneto che sui social) ed hanno espresso il loro rammarico di non aver potuto gareggiare; ma dice Marta «siamo abituate a questi stop è il nostro lavoro e pertanto se le condizioni in pista non sono in sicurezza è più che giusto non rischiare!». Dello stesso avviso la nostra campionessa Federica: «certo un pò di amarezza c’è ma saremo più cariche per le prossime, siamo qui, ringraziamo tutta l’organizzazione per il duro lavoro che svolgono ogni giorno».

Ha poi preso la parola Flavio Roda, Presidente della Federazione Italiana Sci Invernali, il quale loda tutta la Fondazione Cortina per il lavoro che sta svolgendo quotidianamente, in particolar modo per tutti i centinaia di volontari che ogni giorno operano sul territorio affinché tale evento di importanza Mondiale sia svolto in piena sicurezza ed efficienza. Certo un annata così Cortina è da decenni che non la ricorda, in un anno che avrebbe garantito pubblico e sano sport la pandemia ha tolto all’evento una parte dello spettacolo, non ci rimane che tifare “Italia” e incrociare le dita per il completamento delle gare.

Domani il programma prevede due discese: SuperGigante Femminile (mattino ore 11.00) e Maschile (pomeriggio ore 13.00).

Commenta per primo

Lascia un tuo commento all'articolo ...

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.