Cascate di Fanes, ancora vane le ricerche del trentottenne romano

BELLUNO – Risultano ancora vane le ricerche del trentottenne romano scomparso da due giorni nelle acque delle Cascate di Fanes a Cortina d’Ampezzo. Oggi le squadre del Gruppo forre del Soccorso alpino e speleologico Veneto e dei Vigili del fuoco hanno allestito una teleferica sopra la vasca in cui è precipitato l’uomo, su cui far scorrere la fune che portava una telecamera subacquea. Ma a nulla sono valse le manovre per tentare di visionare l’intera pozza. Il corso del Fanes è stato anche perlustrato dall’alto da uno dei droni del Soccorso alpino. Sul posto erano presenti anche i soccorritori di Cortina e del Sagf e i Carabinieri. Domani sarà nuovamente percorsa tutta l’asta del torrente fino al Boite.

Altri interventi nel bellunese.

Attorno alle 15.40 la Centrale del 118 ha allertato il Soccorso alpino del Centro Cadore per un’escursionista affaticata al rientro dell’Eremo dei Romiti, a Domegge di Cadore. A.T., 82 anni, di Sora (FR), stava scendendo lungo la Via Crucis assieme al marito e ai nipoti, ma arrivata a due terzi del percorso non è stata più in grado di procedere. Una squadra la ha raggiunta ed è scesa per duecento metri con lei, per caricarla poi in barella nell’ultimo tratto e trasportarla fino alla macchina a Navarre, da dove la donna si è allontanata autonomamente.

Attorno alle 16.40 una squadra del Soccorso alpino di Cortina è stata invece inviata sul sentiero che porta al Rifugio Croda da Lago, per un escursionosta che aveva riportato un probabile trauma alla caviglia. M.B., 61 anni, di Padova è stato poi accompagnata al Codivilla.

Commenta per primo

Lascia un tuo commento all'articolo ...

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.