Way on the block 2019, al via domani la seconda edizione

ERTO – Way on the Block è ai nastri di partenza. La seconda edizione della gara di boulder di Erto è fissata per sabato 7 settembre alle 16. Verrà rimandata al 14 in caso di pioggia. Come lo scorso anno l’iscrizione sarà completamente gratuita e l’area di gara sarà la parete boulder con volumi, prese e materassi che si trova nella parte alta del paese.

A tracciare sarà il campione di arrampicata, Luca Canon Zardini. E’ l’arrampicatore italiano che ha vinto più volte il campionato italiano lead di arrampicata. Per 17 anni ha partecipato alla Coppa del mondo lead di arrampicata imponendosi come miglior risultato nel 1992. “Pensavo ad una prima parte di selezione stile raduno, nel turno di qualificazione – spiega -, dove si potrà scalare tutti insieme e dove ci sarà un’amichevole condivisione tra arrampicatori, alla quale seguirà una fase finale più competitiva con le prime sei donne e i primi sei uomini. Mi piace la manifestazione, è un’occasione per aggregare gli arrampicatori della zona e non solo, in una località importante e vero punto di riferimento per l’arrampicata sportiva italiana”. A pochi chilometri dal centro del paesino, verso la diga, infatti, si trova la mitica falesia che ha visto nascere e ha segnato la storia dell’arrampicata italiana dagli anni Ottanta in poi. Pareti scalate da Corona, Manolo e da tanti altri protagonisti della disciplina, avventurieri in quella roccia dove hanno tracciato decine di vie.

Insomma, la sfida è stata vinta. Il successo ottenuto lo scorso anno dalla manifestazione, pensata per portare atleti nel paesino di Erto, troppo duramente colpito dalla tragedia, ha spinto l’organizzazione a continuare su questa strada. Quella di tracciare una via alternativa al dolore e alla distruzione, di costruire una strada che vada in altro, oltre il blocco della diga. Un’iniziativa sportiva nata dal basso, da un gruppo di appassionati intenzionati a resistere e a non arrendersi al fenomeno dello spopolamento della montagna.

“Ci saranno passaggi estremi di arrampicata, ma sarà soprattutto una festa dello sport per stare insieme e per portare vita in paesi, come quello di Erto, che stanno morendo lentamente – le parole di Mauro Corona, scrittore, scultore e alpinista residente proprio nel piccolo abitato dove si terrà la gara -. Lo sport non è mai eccessivo, anche se arrampicare è un’attività considerata estrema. Questi arrampicatori sono come uccelli, si librano nell’aria vincendo la gravità”.

Sarà una gara sociale, perché la sfida e la classifica non saranno gli aspetti principali della giornata, pensata soprattutto per essere un momento di ritrovo tra appassionati e di scoperta del territorio. Sono previsti ricchi premi offerti da Salewa Store di Longarone. Inizio alle 16.

Dalle 15.30 alle 15.15, inoltre, ci sarà la possibilità di provare una lezione gratuita di yoga per preparare le articolzioni e attivare la concentrazione tramite il respiro.Un ringraziamento speciale va a Unione Territoriale Intercomunale delle Valli e delle Dolomiti friulane, Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, Dolomiti Days 2019 e Comune di Erto e Casso per aver reso possibile la realizzazione dell’evento.  Allo stesso modo un grazie per ART CLIMB a.s.d che ha offerto le prese.

Informazioni su Redazione 10421 Articoli
GOBelluno Notizie © è un quotidiano on line che tratta argomenti inerenti alla Provincia di Belluno. E' una testata giornalistica registrata al Tribunale di Belluno in data 21/12/2011 al n. 7 del Registro della stampa e con Direttore Luca Mares.

Commenta per primo

Lascia un tuo commento all'articolo ...

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.