Armi e detonatori in casa, arrestato un cittadino feltrino

FELTRE – La sera di giovedì 6 dicembre una prolungata attività investigativa della Polizia di Stato, in collaborazione con la Polizia Provinciale di Belluno, si è conclusa con l’arresto di un cittadino feltrino, cacciatore amatoriale, per gravi violazioni alla normativa sulle armi.

I poliziotti hanno perquisito l’abitazione del cacciatore, dove hanno trovato vari detonatori, una carabina calibro 36 modificata e alterata, due silenziatori di fabbricazione artigianale, nonché numerose munizioni di vari calibri. Tutte le armi e il munizionamento erano illegalmente detenuti.

Il materiale esplodente rinvenuto è stato poi analizzato dall’artificiere della Questura e posto sotto sequestro.

L’arrestato è stato condotto, su disposizione del Sostituto Procuratore dr. Simone Marcon, agli arresti domiciliari.

Sono in corso indagini da parte della Squadra Mobile e della Divisione di Polizia Amministrativa della Questura per risalire alla provenienza del materiale sequestrato e individuarne il suo possibile utilizzo.

E’ verosimile che il materiale esplodente possa essere stato oggetto di ritrovamento, mentre le armi e i silenziatori potrebbero essere stati impiegati per la caccia di frodo.

L’arrestato deteneva legalmente anche svariati fucili da caccia, che sono stati pure ritirati cautelarmente.

L’uomo dovrà rispondere dei reati di detenzione illegale di armi e munizioni, omessa denuncia di esplosivi e alterazione di armi.

Informazioni su Redazione 10345 Articoli
GOBelluno Notizie © è un quotidiano on line che tratta argomenti inerenti alla Provincia di Belluno. E' una testata giornalistica registrata al Tribunale di Belluno in data 21/12/2011 al n. 7 del Registro della stampa e con Direttore Luca Mares.

1 Commento

  1. Bravissima Polizia Provinciale e Polizia di Stato per gli interventi che avete fatto al fine di garantire il rispetto delle leggi. Vogliamo ancora parlare di caccia e dei suoi comportamenti? Da tempo sostengo che ormai la caccia deve essere svolta sotto la guida delle Forze di Polizia dello Stato, quelle Provinciali e comunali e prevedere delle norme che quando un cacciatore decide di svolgere l’attività deve giornalmente transitare presso gli uffici di Polizia e registrarsi per quel giorno e indicare la zona di caccia, in modo dovessero accadere fatti strani o altro almeno le Forze di Polizia hanno già degli indizi.

Lascia un tuo commento all'articolo ...

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.