Furto, la Polizia interviene Conad di Belluno

Immagine archivio

BELLUNO – Martedì mattina un agente in borghese della Squadra Volanti, fuori dal servizio, mentre si trovava nel supermercato “Conad” di Belluno ha notato una ragazza, già nota alla Polizia, che si aggirava in modo sospetto tra gli scaffali dello store.

La donna dopo aver girato al lungo tra i corridoi del negozio si è avvicinata alle casse per pagare due confezioni di cibo per gatti ma con la scusa di aver lasciato il portafogli in auto è uscita fuori dal supermarket ovviamente senza alcuna intenzione di rientrarvi ed infatti all’esterno ad attenderla c’era un ragazzo pronto per allontanarsi insieme a lei; a questo punto i due sono stati fermati dal poliziotto che ha anche chiamato la volante.

I due giovani, una ragazza del ’93 e un ragazzo del’83 entrambi di Agordo, alla presenza degli agenti delle Volanti hanno estratto dalla borsa di lei quattro bottiglie di superalcolici e due confezioni di caffè, tutta merce rubata all’interno del Conad; mentre dalla tasche di lui, è saltato fuori un coltello a serramanico di 18 cm.

I due giovani, allora, per ulteriori accertamenti sono stati accompagnati in Questura dove sono stati perquisiti; nello zaino del ragazzo sono state rinvenute svariate derrate alimentari tra cui altre cinque bottiglie di superalcolici e tre bottiglie di Campari. In tutto, in sostanza, avevano rubato ben 12 bottiglie di alcolici, oltre che diversi altri generi alimentari.

La Squadra Volanti, coordinata dal Dirigente Natalicchio, insospettita dal modo di operare dei due ragazzi, per come era stata occultata la refurtiva e dal genere della stessa ha proceduto a questo punto a ricostruire la loro giornata.

È stato così appurato che i due agordini sono giunti a Belluno di mattina presto con l’intento preciso di “visitare” i supermercati della città. Le immagini acquisite dalla Polizia hanno infatti confermato che i due ragazzi hanno derubato ben tre supermarket, oltre al Conad anche il Kanguro di Via Gregorio  XVI ed il SuperW di via Vittorio Veneto; come alla fine confessato dagli stessi autori dei furti si è trattato di un vero e proprio disegno criminoso premeditato. La Squadra Volanti ha, pertanto, tratto in arresto i due giovani di Agordo con l’accusa di furto aggravato continuato in concorso; il ragazzo è stato, inoltre, anche denunciato all’Autorità Giudiziaria per porto abusivo di armi.

Il gip, per i due giovani, ha disposto, nella giornata di venerdì, l’obbligo di firma.

Commenta per primo

Lascia un tuo commento all'articolo ...

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.