Inaugurata una nuova stalla a Chies d’Alpago

CHIES D’ALPAGO – Venerdì 30 dicembre sono state otre 150 le persone presenti alla cerimonia di inaugurazione della nuova stalla dell’azienda agricola Donadon, a Chies d’Alpago (Belluno). Una partecipazione numerosa per un evento che rappresenta un segno di speranza per il futuro della montagna.

«Si tratta di una giornata importante per il Comune di Chies e per l’Alpago tutto» ha affermato il primo cittadino, Gianluca Dal Borgo. «L’inaugurazione di questa nuova stalla è il simbolo della ripartenza di un territorio che per lunghi anni è stato abbandonato. Il futuro di Chies e della Conca dell’Alpago  è legato al suo territorio:  abbiamo una vocazione legata all’ agricoltura, all’ allevamento, alle vendita dei prodotti della terra e al turismo. L’agricoltura, abbandonata per tanti anni, può e deve rappresentare la  via per garantire un futuro alla nostra terra. Certo, occorre avere coraggio. Quel coraggio che Carlo Donadon, 26 anni, e pure altri ragazzi in questi ultimi tempi hanno avuto: di questo tutta la comunità deve essere loro grata».

Nella nuova stalla di Carlo Donadon sono al momento presenti otto mucche. Altre sette ne arriveranno nelle prossime settimane. A breve, inoltre, verrà installato un distributore di latte. Donadon, inoltre, si sta attrezzando per la produzione di caciotte e yogurt. «Sarebbe un peccato mortale abbandonare questa meravigliosa terra» ha affermato Carlo Donadon. «Io provo a guardare al futuro, con la mia attività di imprenditore che è non è solo un’attività economica ma anche un modo per conservare il territorio».

Informazioni su Redazione 10871 Articoli
GOBelluno Notizie © è un quotidiano on line che tratta argomenti inerenti alla Provincia di Belluno. E' una testata giornalistica registrata al Tribunale di Belluno in data 21/12/2011 al n. 7 del Registro della stampa e con Direttore Luca Mares.

Commenta per primo

Lascia un tuo commento all'articolo ...

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.