Mondiali sci Cortina 2021, Bottacin e Gidoni propongono defiscalizzazioni comparto turistico

VENEZIA – “I Mondiali di sci alpino del 2021 sono un’occasione importantissima per il rilancio del territorio e non possiamo assolutamente rischiare di arrivarci impreparati né lasciare che passino senza cogliere i benefici a essi collegati”. Lo dice l’assessore alla Specificità di Belluno, Gianpaolo Bottacin, che, insieme al consigliere Franco Gidoni, ha presentato una mozione in Consiglio in cui si impegna la Giunta regionale ad attivarsi presso Governo e Parlamento affinché siano promosse forme concrete di defiscalizzazione in favore delle attività del comparto turistico inserite nel territorio provinciale di Belluno che investiranno nella costruzione o nel rinnovo di strutture ricettive e di promozione in vista dei Mondiali del 2021 di Cortina d’Ampezzo.

“La nostra provincia – analizza Bottacin – è l’unica interamente montana del Veneto, oltretutto incuneata fra Province autonome e Regioni a Statuto speciale oltre che territorio di confine con l’Austria, aree che ai rispettivi territori montani riservano speciali normative in termini di autonomia sia legislativa che finanziaria”.

“Pur avendo un estensione pari al 20% del territorio veneto – prosegue l’assessore – ha una popolazione pari solo al 4,2% della popolazione regionale. È evidente che i maggiori costi che derivano dall’operare in una area disagiata stanno portando alla chiusura di molte imprese o comunque alla loro penalizzazione in termini di mercato, soprattutto per quanto riguarda le attività economiche e turistiche in quanto non competitive rispetto ad altre zone. Tale situazione ha già da tempo determinato un pesante abbandono della montagna bellunese con gravi conseguenze ambientali, sociali ed economiche”.

“Ora però abbiamo un’occasione importantissima – aggiunge Bottacin – che va sfruttata fino in fondo: i Mondiali di Cortina, per i quali bisognerà provvedere, oltre che al rinnovo delle strutture sportive e delle vie d’accesso alle zone interessate all’evento, anche ad adeguare e ampliare la ricettività di posti letto e l’offerta turistica in termini di strutture alberghiere. La pesante concorrenza, soprattutto delle Regioni a statuto speciale, rischia però di togliere ulteriormente fiato ai nostri imprenditori. Per questo, senza dimenticare che il residuo fiscale che i bellunesi lasciano a Roma ogni anno è di quasi un miliardo di euro, chiediamo che almeno per un’occasione così particolare e di grandissima visibilità per l’intera nazione, vengano date adeguate agevolazioni ai nostri imprenditori che coraggiosamente continuano a investire sul territorio”.

“Defiscalizzare gli interventi di ristrutturazione delle strutture ricettive in vista dei mondiali – conclude l’assessore – consentirebbe non solo di presentare un migliore biglietto da visita ai moltissimi ospiti che raggiungeranno le nostre montagne, ma potrebbe rappresentare un volano per il rilancio dell’economia locale e per recuperare nuova competitività in termini di lavoro e occupazione. Un’occasione da non perdere per la quale chiediamo un intervento concreto e non solo a parole del governo nazionale”.

Informazioni su Redazione 10477 Articoli
GOBelluno Notizie © è un quotidiano on line che tratta argomenti inerenti alla Provincia di Belluno. E' una testata giornalistica registrata al Tribunale di Belluno in data 21/12/2011 al n. 7 del Registro della stampa e con Direttore Luca Mares.

Commenta per primo

Lascia un tuo commento all'articolo ...

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.