Camignada poi siè Refuge, aperte le iscrizioni per l’edizione 2016

Corsa in montagna

Nicola Giovanelli all'arrivo della Camignada 2015 (Ph. Luca Mares)

AURONZO DI CADORE – Sono state aperte il 30 marzo le iscrizioni alla Camignada poi siè Refuge, appuntamento non competitivo della corsa in montagna che si snoda lungo alcuni tra i sentieri di maggior fascino delle Dolomiti, con partenza dalle sponde del lago di Misurina e arrivo in riva al lago di Auronzo di Cadore (Belluno). Giunta alla 44esima edizione, la Camignada quest’anno si svolgerà domenica 7 agosto. L’organizzazione è a cura della sezione di Auronzo del Club Alpino Italiano.

Le iscrizioni alla Camignada sono possibili sul sito www.ngtiming.com. Come per il passato, l’iscrizione sarà vantaggiosa per chi aderirà alla manifestazione nelle prime settimane: dal 30 marzo al 22 maggio la quota (rimasta invariata rispetto allo scorso anno) è infatti fissata a 28 euro. Dal 23 maggio al 17 luglio la quota passerà a 32 euro, mentre dal 18 luglio al 5 agosto a 38 euro. Per i ragazzi fino a 14 anni (per i quali è necessaria l’autorizzazione dei genitori) la quota sarà unica: 20 euro.

Sarà possibile iscriversi anche sabato 6 agosto, al pala ghiaccio di Auronzo, dove ci sarà anche la consegna dei pacchi gara: solamente, però, nel caso non sia stata raggiunta la quota massima di partecipanti fissata dall’organizzazione, vale a dire 1500. La quota, in questo caso, sarà di 40 euro.

Quest’anno la Camignada avrà un occhio di riguardo per la … geologia. Il “sottotitolo” dell’evento proposto dal Cai di Auronzo è infatti: “Sulle orme dei dinosauri”. «La Camignada intende valorizzare le nostre Dolomiti patrimonio Unesco dell’umanità in tutti i suoi aspetti – spiega Massimo Casagrande, presidente del Cai di Auronzo -. Non solo dunque vuole mettere in rilievo le peculiarità paesaggistiche, naturalistiche o della storia recente ma anche quelle geologiche del nostro territorio. Proprio la geologia fornisce alle Tre Cime di Lavaredo uno spaccato della vita marina del Triassico (periodo corrispondente a oltre 250 milioni di anni fa ndr), all’indomani della più grande estinzione mai ricordata nella storia della terra: un’orma di dinosauro impressa in un masso è infatti ben visibile dal sentiero che dal rifugio Auronzo conduce al rifugio Lavaredo. Lo stesso dinosauro è raffigurato in un grande plastico al museo multi tematico di palazzo Corte Metto ad Auronzo, struttura che propone nelle sue sale un’ampia serie stratigrafica relativa alla scala temporale degli eventi che hanno dato origine alle Dolomiti».

Informazioni su Redazione 10357 Articoli
GOBelluno Notizie © è un quotidiano on line che tratta argomenti inerenti alla Provincia di Belluno. E' una testata giornalistica registrata al Tribunale di Belluno in data 21/12/2011 al n. 7 del Registro della stampa e con Direttore Luca Mares.

Commenta per primo

Lascia un tuo commento all'articolo ...

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.