Incentivi per la diffusione del segnale TV e radio in montagna

Politica

Il deputato Federico D'Incà (Fb)

BELLUNO – “A seguito dell’introduzione del digitale terrestre, avvenuto ormai da qualche anno, numerosi sindaci e amministratori di comuni del bellunese continuano a segnalare le costanti e crescenti difficoltà di accesso al servizio televisivo” spiega Federico D’Incà del MoVimento 5 Stelle. Il disagio si verifica principalmente nelle nostre zone montane e in tutta l’aerea alpina ed appenninica, aree in cui resta elevato il « digital divide» che ha la sua prima fonte nelle difficoltà di ricezione del segnale tv e radio “e dove il passaggio al digitale terrestre ha di fatto reso inaccessibile il servizio a molte famiglie e utenti, che lamentano il fatto di dover continuare a pagare il canone senza riuscire a vedere le trasmissioni della tv nazionale ed in particolare quelli del servizio pubblico” sottolinea il deputato.

Per sopperire a tali disservizi negli ultimi anni numerosi enti territoriali, in primis  le unioni montane, si sono fatti carico degli oneri derivanti dall’acquisto e dalla gestione di impianti di diverse dimensioni e potenza al fine di assicurare la trasmissione del segnale anche nelle valli più interne. Moltissimi comuni italiani stanno approvando in consiglio o in giunta un ordine del giorno nel quale sostengono la necessità di richiedere, ed ottenere, un migliore servizio di trasmissione televisiva, in vista dell’inserimento del canone sulla bolletta elettrica.

“Per questo motivo chiedo al Ministro dello sviluppo economico e al Ministro dell’economia e delle finanze se intendano, nell’ambito delle proprie competenze, avviare un tavolo di monitoraggio nazionale che individui le aree alpine e appenniniche dove sussistono difficoltà di ricezione del segnale, come quella bellunese” spiega D’Incà. Si chiede inoltre se intendano promuovere l’ampliamento delle infrastrutture televisive al fine di risolvere le problematiche anche mediante l’introduzione di un incentivo per la diffusione, nelle zone interessate, della tv via satellite e nello specifico dei servizi offerti da Tivùsat, consentendo a tal fine ai cittadini di richiedere l’installazione a prezzi calmierati dell’apparato necessario (parabola e decoder) per la ricezione dei canali televisivi gratuiti tramite il satellite.

Informazioni su Redazione 10471 Articoli
GOBelluno Notizie © è un quotidiano on line che tratta argomenti inerenti alla Provincia di Belluno. E' una testata giornalistica registrata al Tribunale di Belluno in data 21/12/2011 al n. 7 del Registro della stampa e con Direttore Luca Mares.

Commenta per primo

Lascia un tuo commento all'articolo ...

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.