Tord Asle Gjerdalen e Britta Norgren, regina e re della 39esima edizione della Dobbiaco Cortina

Sci di fondo

Il podio maschile

CORTINA D’AMPEZZO – Grandi firme nella prima giornata della 39. edizione della Dobbiaco-Cortina, uno degli eventi di maggior tradizione  nel panorama internazionale delle granfondo. Protagonisti della giornata, che costituiva la settima tappa del Visma Ski Classics – The long distance ski championship, manifestazione che comprende le più importanti granfondo europee, sono stati i migliori interpreti delle lunghe distanze e vincitori il norvegese Tord Asle Gjerdalen e la svedese Britta Norgren.

905 i concorrenti che hanno affrontato, in tecnica classica, i 32 chilometri del tracciato che partiva da Braies per arrivare alla Nordica Arena di Dobbiaco, dopo essere transitati lungo la Val di Landro. Un percorso ridotto rispetto all’originale a causa della scarsità di precipitazioni che sta caratterizzando quest’inverno. Percorso, in ogni caso, in condizioni perfette, nonostante la poca neve.

La gara maschile è vissuta sull’azione poderosa di tre norvegesi: John Kristian Dahl,  Tord Asle Gjerdalen, e Petter Eliassen, leader del Visma Ski Classics. I tre hanno fatto corsa parallela per la maggior parte della prova, poi nel finale Eliassen ha forzato e solo Gjerdalen è riuscito a tenergli le code. Sul rettilineo finale della Nordic Arena, era Gjerdalen a far valere il proprio spunto. Piazza d’onore per Eliassen, che si conferma leader del circuito, e terzo posto per John Kristian Dahl, staccato di 26 secondi.

«La neve era piuttosto lenta e la fatica è stata parecchia anche se la distanza era ridotta» commenta Gjerdalen, capace in carriera di vincere due ori e due bronzi ai Campionati del Mondo. «Eliassen è andato fortissimo ma sono riuscito a resistere al suo cambiamento di ritmo e poi a batterlo allo sprint. Sono davvero soddisfatto. E ora pensiamo alla Vasaloppet»!

La gara femminile ha visto fin dai primi metri Britta Norgren imporre la sua legge. Solo la svizzera Seraina Boner e la giapponese Ishida Masako riuscivano a tenere il ritmo della leader del Visma Ski Classics, che, comunque, le regolava allo sprint, rafforzando la propria leadership.

Per quanto riguarda gli atleti italiani, il primo all’arrivo è stato Loris Frasnelli, trentunesimo. «Questa Dobbiaco Cortina è stata la mia migliore gara di stagione» spiega il trentino. «Ho iniziato ad allenarmi a novembre dopo che un anno e mezzo fa ho chiuso la carriera. Ogni gara vado sempre meglio e spero di continuare così. Oggi i materiali facevano la differenza e i miei sci erano velocissimi: grazie agli skimen»!

Domani, domenica 14 febbraio, la seconda e conclusiva giornata della Dobbiaco-Cortina. Si gareggerà sullo stesso tracciato odierno ma cambierà la tecnica che sarà lo skating. La partenza è fissata per le 10.

I podi di giornata.

Maschile: 1. Tord Asle Gjerdalen (Norvegia) 1h14.02.26; 2. Petter Eliassen (Norvegia) 1h14.02.43; 3.  John Kristian Dahl (Norvegia) 1h14.28.

Femminile: 1. Britta Johansson Norgren (Svezia) 1h28.0; 2. Seraina Boner (Svizzera) 1h28.02; 3. Masako Ishida 1h28.03.

Commenta per primo

Lascia un tuo commento all'articolo ...

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.