Giorno della Memoria: incontro pubblico con l’avvocato Arnaldo Loner

Appuntamento venerdì 29 gennaio

Immagine archivio

BELLUNO – In occasione del Giorno della Memoria, Comune di Belluno, Isbrec, Scuole in rete per un mondo di solidarietà e pace e Anpi organizzano l’incontro pubblico “Negazionismo e stragi naziste. Gli assassini della memoria”, che si terrà a Belluno in sala Bianchi, venerdì 29 gennaio alle ore 17.00.

L’incontro, che vedrà la partecipazione e l’intervento dell’Avvocato bolzanino Arnaldo Loner, già difensore di parte civile per il Comune di Bolzano nel processo che una quindicina d’anni fa portò alla condanna di Michael Seifert, l’aguzzino del Lager di Bolzano, intende porre l’attenzione su un aspetto alquanto controverso e di particolare rilievo nel dibattito storiografico degli ultimi decenni, da quando, cioè, si è fatta avanti una rilettura chiaramente negazionista e revisionista dei fatti storici legati alla creazione dei campi di concentramento (e di sterminio, in particolare) nel Terzo Reich e alla stessa Shoah.

Si tratta di una posizione respinta con forza dalla comunità scientifica e politica internazionale che ha condotto diverse Nazioni a considerarla un vero e proprio illecito penale; tale è, ad esempio, la strada intrapresa da paesi quali la Francia, il Belgio e perfino Germania e Austria. Del resto, anche le Nazioni Unite nel 2007 hanno approvato a maggioranza una risoluzione che condanna ogni tentativo di negare i crimini commessi a danno di ebrei nei campi di concentramento del Terzo Reich.

Il dibattito si è allargato anche al nostro Paese dove si sono evidenziate posizioni contrastanti anche tra gli storici. Alcuni infatti, pur respingendo le teorie revisioniste (bollate come chiaro tentativo di strumentalizzare la tragedia della Shoah per bassi scopi politici e ideologici), non ritengono legittimo reprimere e costringere al silenzio quanti le sostengano cancellando di fatto la libertà di parola e di opinione, mentre altri, proprio partendo dall’assunto che si tratti di speculazioni palesemente fasulle, sostengono che non possa essere dato spazio a quanti le propugnino ammantandole di pseudo-scientificità al solo scopo di catturare – attraverso un distorto uso pubblico della storia – l’attenzione di un pubblico (soprattutto giovanile) pronto a recepirle senza avere una adeguata preparazione culturale in grado di metterlo al riparo da simili menzogne.

Questo tema quanto mai interessante sarà dunque al centro dell’incontro di venerdì 29 gennaio con Arnaldo Loner (impegnato quella stessa mattina e la successiva anche in alcuni incontri con gli studenti del liceo Galilei-Tiziano di Belluno), quando ne parlerà facendo pure riferimento alla realtà del campo di concentramento di Bolzano, tanto importante anche per conoscere e comprendere il fenomeno della deportazione nella provincia di Belluno. L’incontro, che conta sulla collaborazione della Regione Veneto, dell’Ufficio Scolastico Territoriale di Belluno, del Bim e della Consulta provinciale studentesca, si profila pertanto come un’ottima occasione per comprendere quali diverse posizioni si possono riconoscere nel mondo attuale di fronte al tema della Shoah e in generale delle violenze nei campi di concentramento nazisti e della trasmissione del loro ricordo.

Commenta per primo

Lascia un tuo commento all'articolo ...

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.