Arredamont raddoppia nei numeri e nella formazione

Longarone Fiere

Una fiera a Longarone Fiere

LONGARONE – Anche Arredamont segna importanti riscontri quali esiti della nuova gestione di Longarone Fiere Dolomiti che ha voluto puntare sulla visibilità e l’accessibilità, oltre che sulla qualità espositiva, quest’anno ancora di più specializzata nell’arredamento delle case di montagna. I quattro giorni infrasettimanali hanno visto infatti quasi raddoppiare i visitatori rispetto all’anno scorso e nonostante l’orario ridotto, mentre il fine settimana sarà aperta dalle 10.00 alle 20.00. Ma raddoppia anche l’offerta formativa: domani (sabato) infatti alle 14:30 si parlerà di progettazione integrata, differenti competenze e il coinvolgimento di tutti gli “attori” in una progettazione coordinata, con un approfondimento pratico relativo al Nuovo Codice di Prevenzione Incendi – Regole e Tecniche orizzontali. Il convegno è organizzato dal Collegio dei Periti Industriali e dall’Ordine degli Ingegneri di Belluno. “Un convegno di grande importanza – sottolinea Andrea Franco, Consigliere del Collegio – sia per la novità dei temi trattati che per l’assoluto valore dei relatori che interverranno. Veramente una straordinaria opportunità per approfondire un sistema di progettazione e una tematica delicata e in trasformazione come la prevenzione degli incendi che segneranno profondi cambiamenti nel lavoro dei nostri professionisti”. Collaborazione e partecipazione, identificazione di strategie realistiche per il progetto, consenso su obiettivi di progetto, tempistica e benchmark, multidisciplinarietà, sostenibilità economica, sociale ed ambientale, trasmissibilità dall’esperienza; queste le parole chiave che caratterizzeranno gli interventi del per. Ind. Sergio Molinari – Consigliere nazionale CNPI e degli ingegneri Vincenzo Giordano – Comandante Vigili del Fuoco Provincia di Belluno, Antonio Del Gallo – Resp. D.V.D. Direzione Interregionale Vigili del Fuoco e Davide Sabbadin.

Alle 16:00 invece, sempre nel Centro Congressi di Longarone Fiere Dolomiti, ci sarà l’incontro su “Il legno e le sue tradizioni: dall’Alpago a Venezia” che vedrà il relatore, dott. Angelo Funes Nova, parlare delle principali essenze del Cansiglio quali il faggio, l’abete rosso e l’abete bianco, della loro particolare distribuzione nella piana, soggetta ad inversione termica, e del loro impiego e della loro importanza nella storia della Serenissima.

“Si pensi che è da queste regioni che è partito il legno per Venezia – afferma il presidente di Longarone Fiere, Giorgio Balzan – per la costruzione di barche e non solo. La tradizione, quindi, aiuta anche a innovare utilizzando sempre questa pregiatissima materia prima. Altro punto focale è quello del recupero: infatti si recupera il legno antico, che anzi ha più valore del nuovo. Dopo la lavorazione, la spazzolatura e i vari trattamenti cui viene sottoposto diventa un materiale di ultima generazione di assoluta qualità. Tanto che si smontano i vecchi ‘tabià’ in legno per recuperarne le tavole e ricavare arredamenti da interni”.

Commenta per primo

Lascia un tuo commento all'articolo ...

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.