Piccoli a De Menech: “Ok a collaborare, iniziamo dalla Legge di Stabilità sennò parole vuote”

Giovanni Piccoli sito internet

BELLUNO – “Nei giorni scorsi il collega De Menech ha lanciato un appello a collaborare per riempire di contenuti la legge Delrio. Accolgo l’invito, ma come sempre manca un passaggio fondamentale: dove sono le risorse? Cosa intende fare il Governo per mettere nelle condizioni le stesse Regioni di poter operare e trasferire le deleghe con le necessarie coperture? Se lo stesso Chiamparino – governatore del Pd del Piemonte – si è dimesso da presidente della Conferenza delle Regioni significa che è in atto un attacco alle autonomie. Pregherei De Menech di non nascondersi dietro al classico dito, scaricando sulla Regione ogni responsabilità: ogni livello istituzionale deve fare la propria parte”.

A dirlo è il senatore di Forza Italia Giovanni Piccoli in risposta all’appello lanciato nei giorni scorsi dal deputato Roger De Menech.

“Il clima da campagna elettorale permanente non mi è mai piaciuto e condivido l’appello a collaborare, ma su cosa se il Governo continua a togliere risorse ai territori costringendo i sindaci ad alzare le tasse locali? Di che cosa stiamo esattamente parlando?”.

“Il problema, caro De Menech, sta alla radice”. Piccoli quindi rilancia: “Io ci sto a collaborare e come me penso tanti altri al di là delle casacche politiche. Cominciamo dalla legge di stabilità prevedendo appositi capitoli di bilancio a favore delle autonomie e di quella “montanità” introdotta con la Delrio un anno e mezzo fa, affrontando temi concreti come il miglioramento delle infrastrutture e la sicurezza idrogeologica. Si inizi da qui, altrimenti saranno le solite nozze coi fichi secchi”.

Commenta per primo

Lascia un tuo commento all'articolo ...

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.