Sedico, fusione comuni: lettera aperta di “Cittadini al centro” e “Innovazione e tradizione”

Il sito internet del Comune di Sedico

In merito alla fusione con altri Comuni, dalla lettura dell’articolo di domenica 13 settembre riportato sul Corriere delle Alpi, emerge una posizione confusa e ambigua del Sindaco Stefano Deon, tale da non permette di comprende cosa in realtà voglia fare.

E’ un tema questo così importante, che non si può rimanere nell’ambiguità, si tratta di scelte da cui deriva la competitività e lo sviluppo del territorio.

La precedente amministrazione aveva avviato un dialogo a tal proposito con l’amministrazione di Sospirolo,  ora si intende forse vanificare gli sforzi fatti in questa direzione? A favore di quali concrete alternative?

Sulla scia di una decina di comuni della Provincia che hanno concluso o stanno intraprendendo la strada dell’aggregazione, non ultimi i comuni della sinistra Piave, diventa sempre più urgente puntare a raggiungere una dimensione significativa in ordine alle nuove esigenze programmatorie e operative che i  Comuni devono affrontare; inoltre è fondamentale delineare un disegno  di aggregazione e perseguirlo affinché si possa  rispondere in modo adeguato alle esigenze dei cittadini, costretti sempre più a confrontarsi con un mercato globale.

Invitiamo pertanto il Sindaco ad esprimersi in modo chiaro con i consiglieri di minoranza (che peraltro rappresentano la maggioranza della popolazione comunale) senza nascondersi dietro a un dito.

Chiediamo che il tema venga affrontato in modo deciso e con un adeguato inquadramento tecnico che permetta di comunicare alla popolazione in modo veramente trasparente dove si vuole portare il nostro Comune, per non perdere il treno dell’efficienza e della competitività. (“Cittadini al centro” e “Innovazione e tradizione”)

Commenta per primo

Lascia un tuo commento all'articolo ...

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.