Giornata intensa per il Soccorso alpino

Soccorso alpino
Soccorso alpino
Soccorso alpino

TAIBON AGORDINO –  Primo di cordata, poco dopo la partenza dalla sosta, un’alpinista è scivolato sulla Via Tissi alla Torre Armena ed è caduto sbattendo con un piede sulla parete. Scattato l’allarme, poco prima delle 16 l’elicottero del Suem di Pieve di Cadore è decollato in direzione del gruppo dell’Agner, dopo aver imbarcato un soccorritore della Stazione di Agordo per individuare velocemente il luogo dell’incidente. Lo scalatore infortunato, E.D.B., 44 anni, di Paderno del Grappa (TV), con una probabile frattura alla caviglia, è stato recuperato a circa 2.500 metri di quota assieme al compagno di cordata, con un verricello di 30 metri, per essere poi trasportato in piazzola e affidato all’ambulanza diretta all’ospedale.

SCIVOLA NEL GRETO DI UN TORRENTE – Scendendo dai Piani del Cristo assieme a moglie e figlio, un escursionista di Treviso, P.G., 44 anni, si è avvicinato al bordo di una cascata ed è scivolato finendo nel greto sottostante, una quindicina di metri più in basso. Attorno alle 13 l’allarme lanciato dal gestore del Rifugio Rododendro, componente del Soccorso alpino della Val Comelico, che ha anche aiutato l’uomo a mettersi in un punto sicuro, in attesa dell’arrivo di una squadra del Soccorso alpino di Sappada. Sei soccorritori, con il supporto di due del Sagf di Auronzo, hanno immobilizzato la gamba dell’infortunato, per una probabile frattura, e, dopo averlo caricato in barella, lo hanno trasportato a spalla per 40 metri fino alla strada, dove lo hanno affidato all’ambulanza diretta all’ospedale di Pieve di Cadore.

Commenta per primo

Lascia un tuo commento all'articolo ...

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.