Paolo Lorenzi non perde un colpo e fa 13 a Cortina

I finalisti ATP Challenge Cortina 2015
I finalisti ATP Challenge Cortina 2015
I finalisti ATP Challenge Cortina 2015

CORTINA D’AMPEZZO – È Paolo Lorenzi a mettere il nome sul trofeo di Cortina. Lo fa letteralmente, applicando la targhetta che si affianca a quella di Filip Krajinovic, edizione 2014, sulla base lignea del premio. E lo fa dopo una vittoria sofferta, seppur in due set, contro l’altro veterano del circuito Challenger Maximo Gonzalez. Entrambi 33enni, sia il senese sia lo specialista del rosso da Tandil (stessa città natale di Del Potro), 27 titoli a questo livello in due. Per Lorenzi erano 12, divenuti 13 dopo un 6-3 7-5 sempre tenuto sotto controllo ma con qualche spavento a metà del secondo set. “Sono molto felice perché sapevo che sarebbe stata una partita dura – ha detto l’azzurro di Coppa Davis -, io e lui abbiamo sempre dato vita a lunghissime battaglie, e anche oggi non è stato da meno”. Lorenzi si è portato avanti in fretta, in pratica a inizio match, subito dopo il minuto di raccoglimento osservato in memoria delle vittime della frana che martedì scorso si è abbattuta su San Vito di Cadore, a pochi chilometri da Cortina. Tornando al campo, lo strappo iniziale è arrivato con un break al secondo gioco che ha dato morale e spinta. Break che è risultato decisivo per indirizzare il primo parziale. Nel secondo set il copione non è cambiato del tutto, anche se il break l’azzurro lo ha strappato nel sesto gioco. A seguire l’unico momento in cui Lorenzi ha faticato: “Io sono sceso un po’ di livello, mentre Maximo ha provato a rientrare. Fortunatamente sono stato bravo di testa e non l’ho lasciato rientrare nei giochi”. Sì, perché dal 4-2 in favore di Lorenzi, in un amen si è passati al 5-4 Gonzalez. “Lì ho avuto qualche chance – ha spiegato il sudamericano – ma Paolo è stato bravissimo a tenere il ritmo alto. D’altronde è un grande giocatore, ha tanta esperienza Atp e quando gioca i Challenger arriva sempre, sempre in fondo”. Detto da uno che di Challenger ne ha vinti 15 è un bel complimento.

Il break azzurro all’undicesimo gioco è quello che mette la parola fine. E così Lorenzi fa 13, incassa punti (80) più assegno (6.150€) e si lancia alla rincorsa di un sogno: “Migliorare il mio best ranking? Si può fare, perché no… Quest’anno ho avuto molti guai fisici, ora che sto bene sicuramente ci posso provare e lo farò. Ma intanto mi godo questa bella soddisfazione, in un torneo che mi è piaciuto davvero molto sotto tutti i punti di vista”. Quello del gioco in primis, con una forma e una velocità di palla che sono davvero beneauguranti nonostante i 32 anni sulla carta d’identità. Come molto positivi sono i segnali arrivati dal torneo, capace di riempire gli spalti per la finale – e non solo – in ogni ordine di posti. Una soddisfazione non indifferente per l’organizzazione, alla quale Lorenzi durante la cerimonia di premiazione ha chiesto – e strappato – un nuovo, doppio invito. “Voglio tornare, sicuramente per la prossima edizione del Challenger, ma anche prima, per sciare durante la stagione invernale”. La seconda edizione è stata dunque una grande iniezione di fiducia e di entusiasmo per tutta la macchina organizzativa: “C’è stata tantissima gente per tutta la settimana, e questo non può che essere il giusto premio per il tanto lavoro fatto”, ha detto il direttore del torneo Andrea Mantegazza. A fargli eco anche la presidente del Tennis Country Club Cortina, Paola Bergamo: “Lo scorso anno è stata la prova del fuoco, anzi dell’acqua, viste le condizioni meteo. Ma quest’anno ci siamo ripresi tutto con gli interessi”. Insomma, in questo Challenger la Regina delle Dolomiti ha trovato il suo re estivo.

RISULTATI – Singolare, finale – P. Lorenzi (Ita) [1] b. M. Gonzalez (Arg) [6] 6-3 7-5. Doppio, finale – P. Lorenzi / M. Viola (Ita) [4] b. A. Motti (Ita) / H.H. Lee (Tpe) [3] 6-7(5) 6-4 10/3.

Informazioni su Redazione 11220 Articoli
GOBelluno Notizie © è un quotidiano on line che tratta argomenti inerenti alla Provincia di Belluno. E' una testata giornalistica registrata al Tribunale di Belluno in data 21/12/2011 al n. 7 del Registro della stampa e con Direttore Luca Mares.

Commenta per primo

Lascia un tuo commento all'articolo ...

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.