Successo per seminario europeo che ha visto protagonisti alcuni giovani bellunesi

La delegazione dei giovani bellunesi con l'europarlamentare Elly Schlein

BELLUNO – Successo per la partecipazione bellunese al seminario internazionale “Per un giovane consapevole, attivo e creativo” che si è svolto nella città di Mulhouse, in Francia, dal 21 al 24 ottobre scorsi. Il progetto, finanziato dalla Commissione Europea nell’ambito del  programma Erasmus+, ha visto la partecipazione del Comitato d’Intesa come unico partner italiano. Otto giovani provenienti da Feltre, Pedavena e Belluno, sono quindi stati parte attiva dei quattro giorni di dibattito, incentrato sulle sfide dell’essere giovani oggi. Questi i nomi dei partecipanti bellunesi: Davide Gallo, Alice Forlin, Alberto De Nart, Anna Cappellari, Zaira Gasparini, Debora Sampieri, Costantina Dal Magro e Piero Carniel. «E’ stato un momento veramente bello – commentano – sia dal punto di vista formativo, per l’apprendimento dell’inglese,  sia per l’opportunità di conoscere e scambiare punti di vista con i nostri coetanei degli altri paesi europei come Francia, Spagna, Polonia, Germania, Svezia e Lituania. Il primo giorno è stato dedicato alle presentazioni delle delegazioni e allo scambio di prodotti tipici, noi abbiamo portato formaggi e marmellate. Il secondo giorno era quello della conferenza aperta sui temi del lavoro, ambiente, educazione, integrazione, politiche europee e social network, chiuso con alcune rappresentazioni artistiche. Infine l’incontro nel parlamento della regione Alsazia e il dibattito finale.» Nella serata conclusiva del 23 ottobre presente anche Elly Schlein, una delle eurodeputate più giovani, che ha accettato l’invito del Comitato d’Intesa. «Sono rimasta veramente colpita dall’alto livello della discussione – ha commentato – e dalla preparazione di tutti i ragazzi. E’ stato un meeting importante che fa ben sperare per il futuro delle giovani generazioni. Spero inoltre di poter ancora collaborare con il Comitato d’Intesa e il Csv di Belluno.» «Ringraziamo prima di tutto i nostri partner – dicono dal gruppo di coordinamento del Centro Studi e Ricerca Csv, composto da  Laura De Riz, Enrico De Col e Anita Tisat – ovvero la Consulta Giovani feltrina “Diciamo la nostra”, la Banca di Credito Cooperativo Prepalpi di Feltre e Lattebusche. Questo è uno dei pochissimi progetti che verranno realizzati nell’ambito dell’Azione 3 del programma Erasmus+, al quale sono destinati solo il 4% dei fondi complessivi, e la nostra associazione è stata scelta tra i quasi 40 soggetti richiedenti: segno della qualità della proposta che è stata sicuramente un bel biglietto da visita per tutto il nostro territorio provinciale. Grazie anche all’onorevole Schlein per la sua convinta partecipazione che ha dato un valore aggiunto all’iniziativa con il suo importante contributo.» A metà novembre sarà organizzato a Feltre un incontro pubblico dove i giovani presenteranno la loro esperienza alla cittadinanza.

1 Commento

Lascia un tuo commento all'articolo ...

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.