Pedavena Croce d’Aune, si correrà per il Tricolore

Immagine archivio

FELTRE – L’avventura della Pedavena Croce d’Aune 2014 ha fatto segnare un passo importante martedì 1 luglio con una riunione presieduta da Lionello Gorza, presidente del comitato organizzatore “Amici della Pedavena Croce d’Aune”. La cronoscalata automobilistica che quest’anno è alla 32esima edizione chiuderà il calendario del Campionato Italiano Velocità della Montagna e si disputerà domenica 21 settembre. Al momento si tratta del 12° appuntamento perché a inizio stagione è stata rinviata a data da destinarsi la salita sarda di Iglesias. Per quanto riguarda la gara alle pendici delle vette feltrine, non ci saranno novità sul percorso, che rimane quello di 7.785 metri. Benché reduci da un inverno relativamente mite, ci saranno comunque dei tratti di strada che saranno riasfaltati per la gara, come pure saranno sostituite delle porzioni di guard rail. Insomma, interventi destinati a porre attenzione alla sicurezza attiva e passiva. Tra le novità regolamentari, quest’anno sarà introdotta la figura dei “giudici di fatto”. Quella che sembra una “fumosa” componente regolamentare presenta invece delle occasioni di maggiore fruibilità dei risultati da parte del pubblico: il giudice di fatto determina infatti delle decisioni inappellabili e pertanto l’evoluzione della gara non avviene con risultati sospesi o sub judice. Nel 2014 sarà posta molta attenzione al comportamento dei concorrenti dal piazzale della storica birreria di Pedavena alla linea di partenza: saranno pure create delle navette per il trasporto dei meccanici, al fine di evitare violazioni dei regolamenti che mettono a rischio la loro incolumità. Tradotto in parole più chiare, a volte si sono visti dei prototipi trasportare il meccanico aggrappato al roll-bar. Non accadrà più. Dal punto di vista tecnico, è allo studio la sperimentazione di un sistema di “tracking control” su alcune auto in gara; al di là degli aspetti legati alla sicurezza, potrebbe essere un’opportunità per aggiungere informazioni, ad esempio verificare chi è stato il più veloce in determinate porzioni di percorso. Insomma, la Pedavena-Croce d’Aune del 2014 si presenta con una vocazione di contenuto tecnologico in linea con il presente. Sarà infine ripetuta la attribuzione dei bracciali a tutti residenti lungo il percorso, che si devono muovere nei giorni di gara. Sarà fisso, al polso, per tutta la durata dell’evento. Si tratta di un sistema che funziona. Una corsa che rispetta chi la ospita si garantisce un futuro di collaborazione da parte della popolazione locale che deve comunque affrontare qualche disagio e sacrificio.

Informazioni su Redazione 10357 Articoli
GOBelluno Notizie © è un quotidiano on line che tratta argomenti inerenti alla Provincia di Belluno. E' una testata giornalistica registrata al Tribunale di Belluno in data 21/12/2011 al n. 7 del Registro della stampa e con Direttore Luca Mares.

Commenta per primo

Lascia un tuo commento all'articolo ...

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.