Trovato il ragazzo scomparso a Cortina

I volontari del Soccorso Alpino nella preparazione dell'attrezzatura (Luca Mares)
I volontari del Soccorso Alpino nella preparazione dell'attrezzatura (Luca Mares)
I volontari del Soccorso Alpino nella preparazione dell’attrezzatura (Luca Mares)

CORTINA D’AMPEZZO – È stato ritrovato questa mattina attorno alle 8, debole e disorientato, ma in buone condizioni, D.I., 28 anni, di Borca di Cadore (BL), le cui ricerche erano iniziate ieri nel pomeriggio a Cortina.

In contatto con i famigliari l’ultima volta martedì alle 2 di notte, ieri nel pomeriggio la sua auto era stata rinvenuta parcheggiata in centro a Cortina, mentre il suo cellulare era appoggiato sui tavolini esterni di un bar chiuso di Fiames.

A partire dalle 17, una trentina di uomini del Soccorso alpino di Cortina, San Vito di Cadore, Guardia di finanza, con le unità cinofile, avevano iniziato a cercare partendo da quella zona e allargandosi via via, fino a tarda notte, per poi riprendere questa mattina alle 7, con una cinquantina di persone.

Il ragazzo, che si trovava in un bosco sopra Fiames, in località Pian de la Spine, è stato riaccompagnato a valle, per essere visitato da un medico, in via precauzionale.

COMUNICATO GUARDIA DI FINANZA – Alle ore 08:25 del 30 maggio 2013 l’unità cinofila “Aron“ del S.A.G.F., Soccorso Alpino della Guardia di Finanza di Auronzo di Cadore, alle dirette dipendenze della Compagnia di Cortina d’Ampezzo, ha portato a termine con successo le ricerche del ragazzo disperso dalla scorsa notte in località Fiames, nel Comune di Cortina d’Ampezzo.

A partire dal tardo pomeriggio di ieri, dopo l’allarme lanciato dai familiari del ventottenne di Borca di Cadore (BL), sono scattate le ricerche del giovane il quale si era volontariamente allontanato già dalla tarda serata di martedi, dopo essere uscito dal cinema di Cortina d’Ampezzo in compagnia di amici. L’ultimo contatto con il padre sarebbe avvenuto alle 02:00 di notte di mercoledi, poi l’auto chiusa a chiave nel centro del paese ed il ritrovamento del cellulare lungo il Boite, hanno destato preoccupazione e fatto scattare la macchina dei soccorsi.

Il primo sopralluogo di ieri sera, anche con l’ausilio di un elicottero ed in stretta sinergia col il C.N.S.A.S. di Cortina d’Ampezzo, non ha dato gli esiti sperati ma il cono della ricerca si è definito con maggiore precisione permettendo al S.A.G.F. di rintracciare il giovane con la ripresa delle operazioni.

Incolume il ventottenne, per quanto infreddolito e bagnato per la pioggia notturna, grazie all’abbaiare del cane Aron è stato immediatamente raggiunto dal suo Finanziere conduttore, Appuntato Scelto Davide Buzzo, e trasportato per accertamenti medici presso il locale Pronto Soccorso “Codivilla Putti”.

Il ragazzo, sofferente di una leggera forma di depressione ed in cura già da tempo, è in buone condizioni di salute ed al momento è in attesa di abbracciare di nuovo i propri cari.

Nelle operazioni di ricerca sono stati impiegati 12 militari del Soccorso Alpino della Guardai di Finanza (S.A.G.F.) e 5 unità cinofile per la ricerca di persone, sia in valanga che in superfice, con cinque mezzi fuoristrada della Compagnia di Cortina d’Ampezzo e delle Stazioni S.A.G.F. alle dipendenze, Auronzo e Cortina.

Informazioni su Redazione 10345 Articoli
GOBelluno Notizie © è un quotidiano on line che tratta argomenti inerenti alla Provincia di Belluno. E' una testata giornalistica registrata al Tribunale di Belluno in data 21/12/2011 al n. 7 del Registro della stampa e con Direttore Luca Mares.

Commenta per primo

Lascia un tuo commento all'articolo ...

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.