Fusione dei comuni, Toscani: “Il Cadore può essere un laboratorio a livello Europeo”

Il sito internet della Regione Veneto
Il sito internet della Regione Veneto
Il sito internet della Regione Veneto

Il Vicepresidente dell’assemblea regionale è a Strasburgo per il 24esimo Congresso del Consiglio d’Europa: possibile sperimentare un modello amministrativo ottimale.

VENEZIA – «Sulla fusione dei Comuni, il Cadore può diventare un laboratorio a livello europeo per la sperimentazione di un modello amministrativo ottimale».

E’ quanto sostiene il vicepresidente del Consiglio regionale del Veneto Matteo Toscani, impegnato in questi giorni al 24esimo Congresso del Consiglio d’Europa, un’organizzazione internazionale con sede a Strasburgo, nata nel 1949 con lo scopo di promuovere la democrazia, i diritti dell’uomo, l’identità culturale europea e la ricerca di soluzioni ai problemi sociali. Oggi gli Stati membri sono 47, con ottocento milioni di abitanti e con oltre duecento mila regioni e municipalità.

«A margine degli eventi ufficiali – spiega il consigliere della Lega Nord, a Strasburgo in rappresentanza dell’assemblea regionale veneta – ho incontrato numerosi rappresentanti delle autonomie locali degli altri Paesi per affrontare il tema, più che mai attuale, della fusione dei Comuni. Il panorama europeo è molto variegato, ma con un minimo comun denominatore: la necessità di una razionalizzazione amministrativa che preveda l’accorpamento dei piccoli municipi». «Le differenze – prosegue Matteo Toscani – sono sul metodo. Da una parte, c’è chi opta per una procedura impositiva. Dall’altra, c’è chi predilige un percorso più democratico, incentrato sulla volontarietà. L’Italia sta a metà tra questi due estremi».

«In questo processo – afferma ancora il vicepresidente del Consiglio regionale – può essere interessante il rapporto di collaborazione, per il quale mi sono impegnato personalmente, tra il dipartimento per la riforma del governo locale del Consiglio d’Europa e la Direzione degli Enti Locali della Regione Veneto. Ed è proprio in quest’ambito che il Cadore, forte delle sue antiche tradizioni autonomiste e democratiche e con i suoi quarantamila abitanti suddivisi in una ventina di Comuni per lo più di piccole dimensioni, potrebbe essere il territorio-pilota, sempre che i sindaci vogliano cogliere i sentimenti positivi dei cittadini su questa ineludibile prospettiva».

Informazioni su Redazione 10927 Articoli
GOBelluno Notizie © è un quotidiano on line che tratta argomenti inerenti alla Provincia di Belluno. E' una testata giornalistica registrata al Tribunale di Belluno in data 21/12/2011 al n. 7 del Registro della stampa e con Direttore Luca Mares.

Commenta per primo

Lascia un tuo commento all'articolo ...

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.