La Polizia sequestra 12 videolotteries in sala giochi di Belluno

Immagine archivio
Due addetti della Polizia di Stato

BELLUNO – A seguito dei rafforzati controlli alle sale giochi disposti dal Questore di Belluno, personale della Squadra di Polizia Amministrativa sequestrava numero 12 apparecchiature c.d. Videolotteries (VLT) che si trovavano all’interno di una sala giochi di Belluno, poiché il titolare esercitava la suddetta attività in assenza della relativa licenza del Questore prevista dall’articolo 88 TULPS.

I menzionati apparecchi, che consentono rilevanti vincite in denaro e sono vietati ai minori degli anni 18, si attivano “esclusivamente” in presenza di un collegamento ad un sistema di elaborazione della rete telematica nazionale e si distinguono dalle c.d. New Slot (per le quali non occorre la licenza del Questore) perché, a differenza di queste ultime, non hanno una scheda interna che consente il funzionamento del gioco anche senza collegamento alla rete.

La verifica dell’esercizio dell’attività e delle licenze presentate all’interno della sala giochi evidenziava che F.F. possedeva i requisiti per l’utilizzo di apparecchiature  denominate “New Slot”, le quali infatti non venivano sottoposte a sequestro.

Al contrario, relativamente alle VLT il titolare possedeva la relativa licenza per locali diversi da quelli sede del controllo, ma in questi ultimi esercitava abusivamente tale attività.

Per tale violazione, punita penalmente, il titolare veniva deferito all’Autorità Giudiziaria ai sensi degli artt. 17 e 88 TULPS e le suddette VLT venivano sottoposte a sequestro, già convalidato dall’A.G.

La titolare rischia ora la pena dell’arresto fino a tre mesi e un provvedimento amministrativo che può andare dalla sospensione fino alla revoca della licenza.

Commenta per primo

Lascia un tuo commento all'articolo ...

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.