Il 19 maggio una granfondo ancora più bellunese

Una manifestazione ciclistica bellunese
L’atleta Alessandro Bertuola, vincitore nella Granfondo

La manifestazione proposta dal Cycling Team si sposta da Sedico a Belluno. E accanto al Nevegal già sperimentato quest’anno inserirà le salite della Conca dell’Alpago. Già disponibile la tracciatura del percorso corto.

BELLUNO – Granfondo Bellunese, l’appuntamento è per domenica 19 maggio 2013. E’ stata definita la data di svolgimento della quarta edizione dell’evento proposto dal Cycling Team Bellunese coordinato da Daniele Gusmerini, così come è stato ufficializzato il cambiamento della sede di partenza e arrivo.

Dopo tre edizioni, infatti, la manifestazione si sposterà da Sedico a Belluno. Alla base della scelta ci sono motivazioni di carattere logistico: la necessità di spostare il baricentro del percorso e la disponibilità di una cornice suggestiva per il via e per il traguardo. Una cornice che sarà rappresentato dal capoluogo della provincia dolomitica del Veneto e, nello specifico, dall’incantevole scenario di Piazza dei Martiri.

«Il comune capoluogo ci ha offerto massima disponibilità e noi ovviamente l’abbiamo accolta – spiega Daniele Gusmerini, deus ex machina del Cycling team bellunese – Con Sedico i rapporti sono sempre stati buoni ma la manifestazione è in crescita e portarla a Belluno crediamo ci possa offrire l’opportunità di un salto di qualità importante. Inoltre, in questi anni abbiamo avuto dei problemi con il transito lungo la stretta Valle del Mis: cercare strade alternative era un obbligo e allora ecco che Belluno diventa il centro logico di un tracciato che toccherà il lago di Santa Croce e la suggestiva Conca dell’Alpago. Non mancheranno l’ascesa al Nevegal, già sperimentata con successo quest’anno, e a quella di Valmorel. L’arrivo sarà posto in Piazza dei Martiri, piazza da dove è partita la spettacolare cronometro del Nevegal del Giro d’Italia 2011. Vi si arriverà dalla salita di via Simon da Cusighe: un finale che rimanda alla vittoria di Maurizio Fondriest nella tappa del Giro d’Italia dilettanti nel 1985 e che, crediamo, darà un motivo di interesse e un’occasione di spettacolo in più alle fasi d’arrivo».

Lo scorso anno i partenti furono oltre 600. «L’obiettivo del 2013 è superare quota 700 – spiega ancora Gusmerini – Vogliamo crescere passo passo e, soprattutto, fare della Granfondo Bellunese un’occasione di ciclismo pedalato senza esasperazione, un ciclismo dove i veri vincitori siano quelli che il cronometro e piazzamento non li vivono come un’ossessione».

Sul sito internet della società, www.cyclingteambellunese.it, è già disponibile il link della tracciato di massima (tracciatura Garmin) del percorso corto che con partenza e arrivo a Belluno toccherà Ponte nelle Alpi, Puos d’Alpago, Garna (traguardo con omaggio all’ex presidente Fci Belluno Mansueto Mares, scomparso lo scorso giugno), Chies d’Alpago, Tambre, Farra d’Alpago, di nuovo Ponte nelle Alpi prima dell’ascesa al Nevegal dal versante di Quantin. In totale i chilometri saranno 85, mentre per il percorso granfondo saranno 135.

Commenta per primo

Lascia un tuo commento all'articolo ...

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.