Belluno, prosegue il villaggio di San Martino

Il Sindaco di Belluno, Jacopo Massaro
Il sindaco Jacopo Massaro durante una video intervista a cura di GOBelluno Notizie (Luca Mares)

Sono ancora attivi due laboratori: mosaico collettivo e ombre cinesi.

BELLUNO – Prosegue il Villaggio di San Martino che lo scorso 31 ottobre e 1° novembre ha accolto bimbi e ragazzi in piazza dei Martiri, coinvolgendoli in attività didattiche e laboratori.

Sono infatti due i laboratori ancora attivi, che proseguiranno durante i prossimi giorni presso Palazzo Crepadona: “San Martino in famiglia” e “All’ombra del suo mantello”.

“San Martino in famiglia”, ideato e curato da Caterina De March, ha come obiettivo la creazione di un’opera collettiva che vuole coinvolgere tutti i bellunesi: verrà realizzata, in forma di mosaico, la riproduzione della porzione centrale del polittico di San Martino conservato nella Cripta del Duomo. Per far questo, tutti i visitatori di Palazzo Crepadona, fino a sabato 10 novembre, possono dare il loro contributo pittorico, apponendo una o più tessere da loro dipinte sui pannelli posti al piano terra del palazzo. L’opera completa sarà esposta, non appena ultimata, nel Cubo assieme alle statue dell’ex Tempore di scultura.

“All’ombra del suo mantello”, il laboratorio di drammatizzazione secondo l’antica tecnica delle ombre cinesi per bambini dagli 8 ai 13 anni prosegue in Biblioteca martedì 6 novembre e giovedì 8 novembre, dalle 15.30 alle 17.00, ed il lavoro finale verrà presentato al pubblico durante l’appuntamento di “Quante Storie San Martino!”, venerdì 9 novembre, dalle 15.30, in Sala Cappella.

La Biblioteca dei Ragazzi, infatti, aspetta i giovanissimi che vogliano animare, con uno spettacolo di ombre cinesi sulla storia di San Martino le letture animate per i bimbi più piccoli. Il laboratorio è a cura di Marta Azzalini, Paola Nard, Laura Secco e Marco Trevisan.

1 Trackback / Pingback

  1. Belluno, prosegue il villaggio di San Martino | Belluno 24h

Lascia un tuo commento all'articolo ...

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.