Al via la campagna abbonamenti del Circolo Cultura e Stampa Bellunese

Circolo Cultura e Stampa Bellunese
L’assemblea del Circolo Cultura e Stampa Bellunese

La 35° Stagione del Circolo Cultura e Stampa Bellunese, quest’anno al Centro Giovanni XXIII, sarà caratterizzata da 5 spettacoli di autori e attori veneti: dal 1° ottobre sarà possibile riservare una poltrona a teatro.

BELLUNO – Parte oggi, lunedì 1 ottobre, la campagna abbonamenti del Circolo Cultura e Stampa Bellunese per la 35ma Stagione a Belluno dal titolo “Il teatro veneto, fragranze di casa nostra”: 5 spettacoli di autori e con attori veneti che porteranno al Teatro del Centro Giovanni XXIII° uno spaccato della cultura del nostro territorio.

La rassegna del Circolo si aprirà ufficialmente sabato 17 ottobre con il POEMA A FUMETTI di Dino Buzzati, diretto ed interpretato da Paolo Valerio, con l’accompagnamento musicale al pianoforte. Grazie alle proiezioni degli originali, verrà svelata la rilettura del mito di Orfeo e Euridice, dove Buzzati parla di se stesso, concentrando nelle 208 tavole a colori tutti i temi a lui più cari, a partire dall’eterno dialogo tra la vita e la morte.

Sabato 1° dicembre 2012 la Compagnia Teatro Veneto “Città di Este” porterà in scena un pezzo forte del teatro veneto: SIOR TITA PARON, commedia in 3 atti di Gino Rocca incentrata sulle vicende di un gruppo di servitori dopo la morte del padrone. Le volontà testamentarie di quest’ultimo rivelano  che ha lasciato in eredità tutte le sue fortune al maggiordomo Tita. La servitù gelosa gli volta le spalle e si susseguono una serie di episodi di spiccata comicità sino all’inaspettato finale.

Sabato 26 gennaio 2013 sarà la volta del Theama Teatro con PROCESSO PAR ‘NA BROCA ROTA, una trasposizione in veneto del testo di Heinrich Von Kleist. La bravura degli attori della compagnia, mescolata all’intelligenza e alla vivacità della trama, fanno di questo spettacolo un appuntamento da apprezzare mantenendo alta l’attenzione. La brocca rotta deride, infatti, la fallacità della natura umana e del sistema giuridico, con un sapiente gusto per il grottesco e con una caratterizzazione dei personaggi accurata e divertentissima. L’azione che viene portata in scena da Mario Andreis si svolge in un villaggio della Serenissima nei pressi di Vicenza, ma il linguaggio usato nel testo trae spunto anche dalla “parlata” veneziana, da quella pavana e da quella trevigiana.

Non poteva mancare nella rassegna lo spettacolo STAGIONI,  il Veneto di Rigoni Stern,  che sabato 16 febbraio 2013 renderà omaggio alla vita e all’opera dell’autore attraverso la lettura di alcune delle pagine più intense scritte da Rigoni Stern, valorizzata da un’interpretazione che ne evidenzia i momenti di dinamicità e drammaticità, mentre la musica ne sottolinea il forte impatto emotivo sull’ascoltatore. Verranno così toccati alcuni dei temi a lui più cari, come il rapporto fra natura e uomo, l’evoluzione della vita sull’altipiano di asiago, la tragica ritirata di Russia e la difficile vita dei recuperanti della Grande Guerra, il desiderio di una realtà più umana e pacifica.

Si tornerà a sorridere nel finale della stagione, sabato 16 marzo 2013, grazie a LA VENEXIANA, interpretata dagli attori della compagnia MINIMITEATRI sotto la regia di Gabbris Ferrari. Nel variegato panorama della letteratura teatrale italiana del ‘500 questo rappresenta uno dei testi fondamentali. Ad imporsi, infatti, è il fluire asciutto del dialogo: essenziale, incisivo e privo di quella tendenza alla digressione e alla facile battuta di cui sono spesso carichi i testi di quel tempo. Un altro valore importante è lo spazio di cui si avvale la struttura del racconto: la rapida alternanza fra lo spazio aperto della città e il chiuso di ambienti privati dove si consumano i segreti incontri amorosi rispetto al panorama generale della commedia del Rinascimento. Come è noto La Venexiana” è un testo ancor oggi anonimo e la sua datazione si aggira intorno al 1535.  La vicenda raccontata nella commedia è, anch’essa, molto scarna e si muove essenzialmente sui temi della passione amorosa e della attrazioni fatali: due donne si invaghiscono dello stesso uomo, uno straniero giovane e attraente. La competizione e l’appoggio delle rispettive serve, garantiranno momenti di intenso divertimento.

La campagna abbonamenti della 35° Stagione a Belluno del Circolo durerà fino al 31 ottobre.

Prezzi: abbonamento 75 euro, biglietto intero 18 euro, biglietto ridotto 16 euro. Per informazioni e prenotazioni Vi invitiamo a contattare il Circolo allo 0437/948911, o via mail ad info@ccsb.it.

In più, come anteprima della stagione e fuori abbonamento, il 31 ottobre ci sarà l’esibizione del cantautore bellunese Antonio Fiabane, (che, rispetto agli spettacoli che avranno inizio alle 20.45, è stata programmata alle 21.00) che, in compagnia della sua band, anticiperà al pubblico del Circolo i contenuti dell’ultimo disco “Riconosci i tuoi Santi”.

Informazioni su Redazione 10422 Articoli
GOBelluno Notizie © è un quotidiano on line che tratta argomenti inerenti alla Provincia di Belluno. E' una testata giornalistica registrata al Tribunale di Belluno in data 21/12/2011 al n. 7 del Registro della stampa e con Direttore Luca Mares.

1 Trackback / Pingback

  1. Al via la campagna abbonamenti del Circolo Cultura e Stampa Bellunese | Belluno 24h

Lascia un tuo commento all'articolo ...

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.