Chisso: “Piano casa in Veneto”

Regione Veneto
Regione Veneto

VENEZIA – «Il passaggio dalle 26.361 richieste del luglio 2010 alle 44.410 del luglio 2011 fino alle 45.355 dell’agosto scorso, con una crescita abbastanza omogenea in tutte le province, è un segno non equivoco del gradimento del Piano Casa nel Veneto, che non è solo una opportunità per chi ne fa ricorso, ma anche una occasione oggettiva per rimettere in moto l’economia».

Lo ha affermato l’assessore regionale alle politiche della mobilità Renato Chisso, commentando i dati di attuazione dell’iniziativa nei Comuni veneti.

«Chi paventava e magari grida ancor’oggi allo scempio e all’abuso edilizio è stato smentito tre volte da quando il Piano è stato attivato, mentre il contributo economico dato ad un settore in profonda crisi non è stato inutile. Io calcolo che questa azione abbia messo in moto investimenti per circa un paio di miliardi complessivi. Ribadisco peraltro la mia convinzione che il sostengo al mercato immobiliare, e ancor più a quello dei lavori e delle opere pubbliche, rappresenta un indispensabile volano nel processo di superamento della attuale crisi economica».

«Nell’attivazione del Piano» ha detto ancora Chisso «la Regione si è preoccupata di contemperare le esigenze dei singoli con funzionalità e cultura del bello nelle città. Credo anzi sia oggi più indispensabile che mai sostenere e accompagnare un’edilizia intelligente ,che renda conveniente partire dall’edificato: per fare ciò che serve, per migliorare situazioni anche di oggettiva bruttezza e per evitare, sul nuovo, speculazioni “pubbliche” che erodono il territorio. Partiamo da qui, da questi risultati e da questi numeri, per arrivare presto a migliori meccanismi di investimento e di salvaguardia dell’ambiente, del paesaggio e delle città della nostra Regione».

Commenta per primo

Lascia un tuo commento all'articolo ...

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.