“Alcuni” passano le vacanze al Campo Lavoro

Da sinistra Marco e stefano alla Vena d'Oro (Stefano Oliani)
Da sinistra i volontari Matteo e Stefano alla Vena d’Oro a Ponte nelle Alpi (Stefano Oliani)

Le vacanze estive sono, per chi lavora, il momento tanto atteso per potersi prendere quegli spazi che i vincoli di orari e di impegni ci impediscono durante l’anno di prenderci.

PONTE NELLE ALPI – Molti di noi durante l’anno rimandano sogni, desideri, cose belle da fare al periodo estivo, quando le giornate sono più lunghe, quando il clima mette di buonumore e quando si è più liberi dallo stress quotidiano.

Ma per chi ha deciso di trascorrere anche solo un pomeriggio dei suoi meritati giorni di riposo nella meravigliosa cornice della ex Colonia della Vena d’Oro a Ponte nelle Alpi, lì dove tutto era abbandonato da anni, ma dove, abbiamo sentito dire, “alcuni” stanno lavorando per dare nuova vita alle strutture, per liberare i ruscelli cristallini dalle piante che impedivano al sole di creare giochi di luce sull’acqua, lì dove il rumore discreto e allegro delle piccole cascate riposa la testa e alleggerisce i pensieri… insomma per chi si fosse trovato a passare di lì anche solo perché attratto dalla bellezza del posto che si vede già dalla strada, per questo visitatore la vera sorpresa potrebbero essere proprio quegli “alcuni” che stanno lavorando per dare nuova vita alla Vena d’Oro.

Tra i tanti “amici della Vena d’Oro” c’è chi festeggia il compleanno (Stefano Oliani)

Sono i partecipanti al Campo Lavoro della “Cittadella Cielo” di Nuovi Orizzonti. Persone di diverse età, lavoratori, studenti, ragazzi e ragazze dell’Associazione Nuovi Orizzonti.

Padri e madri anche con i loro bambini, casalinghe, insegnanti, operai, professori, adolescenti, liberi professionisti, pensionati, impiegati. Tutti volontari venuti a fare il Campo Lavoro. Tutti sullo stesso piano. Tutti insieme a condividere la semplicità dello stesso lavoro manuale, fisico. Quel sano lavoro che ti dà la soddisfazione di contemplare subito con gli occhi i risultati. Quel lavoro che se si fa insieme, si fa meglio e prima.

Non ci sono differenze di condizione sociale e di età se c’è un prato da tagliare o un muro da scartavetrare, nessuno ti chiede il curriculum per far tornare una pentola lucida.

Queste persone sono persone come tante, che durante l’inverno hanno coltivato sogni e aspettative per le vacanze estive e che ora hanno scelto di passare tutta o parte della loro estate proprio lavorando. E dalla gioia sui loro occhi, dall’accoglienza sincera che riservano a chi si trova a passare di lì, si capisce che sono felici della loro scelta.

Verrebbe da chiedergli: “qual è il segreto?” Ma non è difficile capirlo. Ogni giornata del Campo Lavoro, inizia con la meditazione della parola di Dio, e si alternano momenti di condivisione e di preghiera. Qui si può essere se stessi, senza ruoli, senza capi, ma soprattutto con la consapevolezza che si sta partecipando tutti ad un’opera che farà del bene a tanti, anzi guardando i visi stanchi e sereni dei partecipanti al campo lavoro, verrebbe da dire che ha già iniziato a fare del bene a tanti!

A sinistra Davide spiega i compiti della giornata a un gruppo di volontarie (Stefano Oliani)

E allora, quel visitatore occasionale non può risparmiare una domanda: “posso fare anch’io qualcosa?”.

Ed è proprio questo il miracolo che sta facendo nascere una “Cittadella Cielo” alla Vena d’Oro: ognuno porta un po’ del suo. Chi ha dato un’ora, chi un sorriso, chi un consiglio, chi un incoraggiamento, chi un’intera estate di lavoro. Tutti hanno ricevuto più di quanto hanno dato.

Stare insieme, costruire insieme, condividere e regalarsi pezzi di vita, conoscere persone che vengono da ambienti diversi da quelli che normalmente frequentiamo, faticare e fare festa insieme, scoprirsi capaci.

Più di certe vacanze che distraggono e riposano senza lasciare alcun ricordo, senza cambiare nulla dentro di noi.

Il Campo Lavoro per il momento si è concluso, così come per molti il periodo delle ferie, ci sarà qualche settimana di pausa, poi tutti i lavori riprenderanno con la fine di settembre e ci saranno ancora molte occasioni per fare e lasciarsi fare del bene.

Una foto di gruppo per le ragazze dopo una giornata di lavoro (Stefano Oliani)

 

8 Commenti

  1. Sarei molto curioso di vedere i bilanci di queste associazioni, che sono sicuramente impegnate a far del bene ma possono permettersi di investire milioni di euro per l’acquisto di un complesso quale quello della vena d’oro….sicuramente hanno fatto un bell’investimento, redditizio anche per loro se poi i volontari la sistemano a gratis 🙂

  2. Ciao Simone, sai cosa c’è di male in tutto questo? Le persone che come te commentano senza sapere neanche un filino di cosa stanno parlando!!!!
    Ed è così, ha scritto cavolate e sprecato fiato per una mancanza di sapere che però ti permette di scrivere nascondendoti dietro ad un nome che a volte risulta fasullo!!!!
    Prova a farti un giro alla Vena d’Oro e chiedi, direttamente a chi è là, la proprietà della struttura… prima di sparare altre cazzate madornali!!!
    Non aggiungo altro, perchè non merita andare avanti a spiegarti chi la ha presa, perchè e come… ma se ci vai e dici “sono il cretino che parla a caso”… qualcuno ti spiega come è andata veramente la storia!!!!
    Ciao Simone… e la prossima volta usa il cervello che quello è gratis per te!

  3. Caro Simone hai fatto una pessima figura scrivendo quelle cose tutte gratuite, vieni a trovarci e poi capirai come stanno veramente le cose. Non si può parlare senza sapere, un abbraccio Gabriele

  4. Non parlo di quello che viene fatto alla vena d’oro, sono solo curioso di vedere un bilancio pubblicato da una di queste onlus in modo da vedere come gestiscono i soldi e di cosa sono proprietarie…tutto qua! se non c’è nulla di male perchè nuovi orizzonti non pubblica sul sito il proprio bilancio

  5. Caro Simone, purtroppo non conosco a fondo l’associazione Nuovi Orizzonti, ma ho frequentato più volte la Vena d’Oro quest’estate… ti posso dire che, come tutte le associazioni, anche Nuovi Orizzonti vive grazie alle donazioni e a contributi o bandi di vario genere.

    E se lo stabile fosse stato acquistato da privati e donato all’associazione come utilizzo? E se i lavori allo stabile fossero finanziati da privati per l’utilizzo del complesso da parte dell’associazione? E se io, che magari non posso donare la ristrutturazione di un tetto, trascorro le mie vacanze alla Vena d’Oro e metto a disposizione la mia manodopera per dare una mano? Alla fine, a te cosa cambia?

    C’è chi può donare un sorriso, chi può permettersi di regalare una settimana del proprio tempo e chi invece ha la possibilità di donare qualcosa in più… alla fine bisogna ringraziare tutti, senza nessuna distinzione… perchè se ci sono associazioni che aiutano e fanno del bene, è anche grazie a chi può donare un qualcosa e lo fa con il cuore.

    Quindi Simone, prova a donare anche te un’ora del tuo tempo e vai a farti un giro alla Vena d’Oro… vedrai che ti aiuterà a crescere.

    Se tutto il mondo è come te, caro Simone, non ci sarebbero Alpini, Protezione Civile, volontari dei Vigili del Fuoco, centri di assistenza per chi ha problemi o tante altre realtà che operano nel volontariato…

    … e Belluno ne è un simbolo anche a livello internazionale, fortunatamente.

  6. Che meraviglia questo posto, avevo trascorso le vacanze in colonia estiva da piccola! Ma si può visitare? Quanti ricordi!

  7. adesso ho 55 anni,sono stato di recente alla colonia vena d’oro con mia moglie e mio figlio, i miei pensieri sono ritornati indietro alla mia infanzia, quando frequentavo la colonia, mi sono commosso nel vedere che tutto era rimasto uguale anche se segnato da l’usura del tempo.
    Sono felice che questo posto abbia trovato nuova vita, dopo anni di abbandono,è davvero un posto dove si respira un senso di serenita’, di pace e di amicizia grazie agli amici di nuovi orizzonti.
    Non poteva trovare uno scopo migliore per tornare a rivivere, vi ringrazio infinitamente per aver preservato il mio “angolo di paradiso”.
    Vi abbraccio tutti e spero di potermi rendermi utile in futuro, quando i miei impegni di lavoro me lo permetteranno.

Lascia un tuo commento all'articolo ...

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.