Bettiol: “Comune vicino a famiglie, pensionati e anziani”

Claudia Bettiol (CS)
Claudia Bettiol (CS)

BELLUNO – «I numeri sull’allargamento delle fasce deboli della popolazione e sul livello di redditi e pensioni impongono agli amministratori locali una serie di azioni concrete sia sulla fiscalità che dipende dai comuni stessi, sia ponendosi al fianco di lavoratori e pensionati nel pretendere soluzioni da Regione e governo».

Così Claudia Bettiol commenta le questioni poste all’attenzione dell’opinione pubblica dalle parti sociali (Spi-Cgil).

Tra i temi c’è quello dell’Imu per gli anziani in casa di riposo che lasciano la propria abitazione sfitta: «Il Comune di Belluno, con la mia amministrazione, la valuterà come prima casa, dando sollievo alle tasche di tanti anziani e alle loro famiglie».

Bettiol insiste su «equità e giustizia, a sostegno delle fasce deboli, applicando l’Isee nella maniera più corretta possibile e garantendo sconti nelle prestazioni sociali».

L’appello delle parti sociali è anche per il finanziamento della legge 30 sulla non autosufficienza, azzerato dalla Regione Veneto. «Da sindaco di Belluno, come capofila e con i colleghi dei comuni bellunesi, insisterò con la Regione perché quei soldi sono dovuti per il mantenimento di un livello adeguato di servizio e per non gravare sulle famiglie e sui bilanci dei comuni, già in difficoltà», conclude Bettiol.

Commenta per primo

Lascia un tuo commento all'articolo ...

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.