Bettiol: “Lotta agli sprechi per difendere i servizi”

Claudia Bettiol (CS)
Claudia Bettiol (CS)

BELLUNO – «Azzerare gli sprechi, ottimizzare le risorse, rinunciare alle consulenze e far funzionare al meglio la macchina comunale. E’ noto e scandaloso che a Belluno manchi un bilancio, ma sono già al lavoro per definire gli interventi più urgenti sulla base dei dati che abbiamo. Ridurremo subito la spesa corrente di circa il 4%, questo ci permetterà di attutire l’impatto dei tagli nei trasferimenti statali, difendere i servizi e raggiungere uno dei nostri principali obiettivi che è quello della massima equità possibile».

Claudia Bettiol affronta così il tema della gestione dei conti del Comune di Belluno illustrando le prime azioni che la sua amministrazione metterà in campo all’indomani del ballottaggio del 20 e 21 maggio.

L’obiettivo è risparmiare da subito 650 mila euro. Come? «Per iniziare ridurremo a 6 il numero degli assessori, rivedremo il numero dei dirigenti, rinuncerò al direttore generale e al portavoce ottenendo così un risparmio di almeno 150 mila euro l’anno – elenca la candidata del centrosinistra – Tutti, noi amministratori, ma anche la struttura comunale, dovremo rimboccarci le maniche e lavorare sodo. E’ un segnale importante, ma anche una concreta lotta agli sprechi creati da un metodo di fare politica che non mi appartiene. Gli altri 500 mila euro arriveranno da una riduzione del 3% nelle spese».

Il taglio dei trasferimenti dallo Stato richiederà al Comune di Belluno di intervenire sulla propria spesa per recuperare complessivamente 1,5 milioni. «Sto attivando tutte le relazioni costruite in questa campagna e chiedendo all’Anci e ai nostri parlamentari di agire perché Belluno ha già dato molto e i trasferimenti vanno adeguati – aggiunge Bettiol – nel frattempo, però, dobbiamo fare tutto il possibile per non far pesare il calo delle risorse del comune sulle famiglie».

«Gestiremo in maniera molto attenta la spesa, per alleggerire la macchina del Comune senza effetti negativi sui servizi – afferma Piero Casagrande, commercialista e candidato a entrare nel consiglio comunale dell’amministrazione Bettiol – Agli interventi iniziali ne seguiranno altri, sempre con l’obiettivo di limitare al massimo l’impatto dei tagli del governo. Saranno veloci nell’applicare questi miglioramenti e chiederanno la collaborazione dei 250 dipendenti comunali, che saranno valorizzati dal nuovo metodo di governo».

Commenta per primo

Lascia un tuo commento all'articolo ...

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.