Santo Stefano, una serata culturale dedicata agli emigranti

Un incontro dei Bellunesi nel Mondo
Una serata culturale dedicata agli emigranti

SANTO STEFANO DI CADORE – Nell’ambito delle iniziative per la XIV Settimana della cultura, il Comune di Santo Stefano ha organizzato venerdì 20 aprile, presso il Cinema Piave, una splendida serata culturale-musicale con la partecipazione dei Cori Peralba, Coro Comelico e gruppo musicale di Costalta, presentata dal maestro Rodolfo De Rigo, i quali hanno ricevuto dalle mani del sindaco Alessandra Buzzo gli attestati di interesse nazionale rilasciati dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali ai gruppi di musica popolale e amatoriale.

Il comune ha voluto dedicare l’intera serata agli emigranti ed ex, del Comelico, molti ancora sparsi nel mondo, ma che conservano forti i ricordi e gli affetti della loro terra di origine.

Presenti all’incontro molti ex emigranti con il consigliere dell’Associazione Bellunesi nel Mondo, Ruggero Valmassoi, Antonio Martini (presidente della Locale Famiglia ex emigranti) e Patrizio De Martin che anche a nome di tutta l’Associazione Bellunesi nel Mondo ha ringraziato il Comune per la scelta fatta.

Alla fine è stato presentato un documentario, realizzato nel 1948 su pellicola 35 mm, conservata presso il Cinema Piave dal titolo “Dove nasce il Piave”.

La famiglia Tonon ha deciso di salvare il contenuto facendolo riversare su DVD, salvaguardando così un’opera, patrimonio di tutta la comunità.

Le immagini proposte e le persone ivi riprese, ne fanno un documento unico ed eccezionale. Le emozioni che la visione di questo filmato suscita, testimoniano il valore e l’importanza particolarmente per chi il suo salvataggio ha voluto e realizzato e per quanti vivendo lontano dal Comelico possono rivedere i luoghi e tempi dei loro nonni.

Gli interessati potranno far richiesta del DVD al Comune di S. Stefano o attraverso l’Associazione Bellunesi nel Mondo.

Commenta per primo

Lascia un tuo commento all'articolo ...

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.