Serracchiani e Bettiol: “Trasporti e turismo, una cosa sola a Belluno”

Claudia Bettiol (CS)
Claudia Bettiol (CS)

BELLUNO – Più coincidenze sulla linea per Trieste, arrivare a Padova in 90 minuti, usare autobus e corriere con lo stesso biglietto a tempo, rifare il treno Cortina-Venezia, sedersi al tavolo con Trenitalia per ragionare su treni e infrastrutture che avvicinino Belluno alle altre città.

Sono gli obiettivi dei giovani candidati del Partito Democratico a sostegno di Claudia Bettiol, presentate da Francesco Langher e Marco Tarroni in una sala Affreschi gremita aprendo l’incontro con Debora Serracchiani, parlamentare europea membro della commissione Trasporti e Turismo.

Il “patto per la mobilità dolomitica” è stato sottoscritto dalla candidata sindaco di Belluno Bettiol, dalla stessa Serracchiani e dal consigliere regionale Sergio Reolon, che ha ricordato: «Se a Belluno non arriverà la metropolitana veneta di superficie sarà ancora più esclusa dal resto della regione. Il treno Cortina-Venezia non è solo un progetto per i trasporti, ma è il grande progetto turistico delle Dolomiti».

«Da cinque anni Prade ci ripete che siamo la periferia di Venezia, lo dice perché non crede nelle potenzialità della città che avrebbe dovuto governare – ha attaccato Claudia Bettiol – così Belluno si trova oggi senza un ruolo, slegata da tutto, con un sistema di relazioni e collegamenti da costruire, soprattutto per gli universitari che devono poter tornare spesso a Belluno e non trovarla morta. La situazione attuale del trasporto non è tollerabile. E intanto la giusta uscente intende svendere ai privati Dolomitibus e lo vuole fare negli ultimi giorni di mandato. E’ gravissimo».

«Se mi sono candidata è perché ritengo che si possa fare molto per migliorare Belluno – ha aggiunto – dobbiamo cercare le risorse in Europa, progettare, creare occasioni di lavoro a Belluno, guardare oltre la crisi e fare in modo che i bellunesi tornino ad essere orgogliosi della loro città».

Debora Serracchiani ha unito considerazioni tecniche ad altre politiche. Ha sottolineato l’importanza della competenza e della formazione, premesse per poter premiare il merito. Poi ha spiegato la visione dell’Europa sui trasporti: «La commissione si occupa insieme di trasporti e turismo, questo basta a dare l’idea della strategia, diversa dalla pratica tutta italiana di pensare prima alle opere e poi alla loro utilità. Da anni, inoltre, l’Europa sta chiedendo di investire sulla ferrovia. E’ questa la visione sul futuro. L’Italia, però, deve imparare a scegliere e costruire i progetti con il territorio. La mobilità è un problema di tutto il Nordest e attualissimo, se pensiamo che il Veneto richia di perdere i finanziamenti europei sull’alta velocità».

«Quando Claudia Bettiol inizia parlando con Trento e Bolzano significa che ha già capito ciò che deve fare per dare un ruolo a Belluno – ha poi aggiunto parlando di turismo – perché non possiamo pensare che ognuno faccia per sé. Nel mondo il singolo non esiste, è il brand Italia che funziona. I soldi si trovano in Europa perché il turismo è competenza europea. Servono forti competenze per avere i soldi, ma anche per spenderli perché altrimenti si rischiano penalizzazioni che comprometterebbero i progetti futuri».

Commenta per primo

Lascia un tuo commento all'articolo ...

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.