Fabio de Mas: “Buonasera dalla calotta polare artica”

Direzione Polo Nord (F. De Mas)
Traino slitta (F. De Mas)

BARNEO CAMP – Il campo Barneo ci ha accolti con una temperatura abbastanza mite per queste latitudini:  meno 20° . Dopo una riunione in cui il responsabile della base ci ha illustrato il campo, le regole, i pericoli, alle 16:07 di ieri è iniziata la nostra spedizione con gli sci.

Prima però siamo stati oggetto di numerose attenzioni: la televisione ucraina, una rete norvegese, una radio tedesca e una russa ci hanno intervistati e hanno ripreso la nostra partenza.

La prima ora di sci è stata davvero faticosa, ci si aspetta una distesa di ghiaccio liscia dove scivolare veloci, mentre invece di liscio c’è ben poco.

La pressione delle correnti crea infatti delle montagne di ghiaccio che vanno aggirate o scalate e ci sono numerose fratture del ghiaccio, profonde mezzo metro  e larghe 150 cm circa, da superare. La slitta si sarà capovolta almeno venti volte e anche se raddrizzarla è semplice, costa fatica e rallenta la marcia.

Mentre si è in marcia il freddo non si sente, ma appena ci si ferma morde. Dopo 5 ore di cammino ci siamo fermati e abbiamo montato la tenda con l’intento di riscaldarci, ma è assai difficile.

La temperatura è di circa 25° sotto lo zero e il sole alle 22:30 di ieri era ancora alto all’orizzonte, il cielo sereno e il panorama… sicuramente magnifico.

A domani! (Fabio De Mas)

Commenta per primo

Lascia un tuo commento all'articolo ...

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.