Calcio 2° categoria: domenica da incubo per il Coi de Pera

Il gol del Coi de Pera (A. Collazuol - Tiellephoto.it)
Un’azione Coi de Pera (A. Collazuol – Tiellephoto.it)

PONTE NELLE ALPI – Una domenica da incubo per il Coi de Pera che perde non solo il sentitissimo derby contro i rivali storici del Castion ma probabilmente anche l’ultimo treno che portava alla salvezza diretta, dato che il margine tra i ragazzi di De Biasi e quelli di Salvador, che si trovano appena fuori dalla zona play-out, ammonta a 8 punti.

Eppure la partita sembrava essere iniziata sotto l’influsso di una buona stella, con la squadra di casa a giocare palla a terra e a tenere gli ospiti nella propria metà campo. Ma il Castion passa al decimo minuto quando Sonny Broi autore fin qui di un campionato perfetto commette una grossa ingenuità facendo rimbalzare un lancio lungo della difesa bianco verde, e ciccando un improbabile rinvio acrobatico, più lesto di tutti è Robassa che si infila tra Broi e Bonanni subendo il più classico dei sandwich. l’arbitro non ha dubbi e fischia il calcio di rigore.

Sul dischetto si presenta Caneve che spiazza Casagrande e corre ad esultare sotto quella che una volta era la sua curva.

Il Coi ritorna a macinare gioco, con un Balest ispiratissimo ad orchestrare gli attacchi dei pontalpini. Proprio dal destro del “pocho” nasce il pareggio di Federico Bortot, abile ad insaccare di testa un invito al bacio del fantasista di Trichiana.

Il coi sembra avere la gara in mano, ma a fine primo tempo Broi commette la seconda ingenuità della gara, prima non riesce a domare un innocuo lancio lungo della difesa castionese, poi atterra nuovamente Robassa in area. Rosso per il difensore dei coi e di nuovo Caneve contro Casagrande. Il numero dieci biancoverde è glaciale e corre di nuovo ad esultare sotto la tifoseria in delirio.

La forza dei Coi sta nel non mollare e nonostante l’inferiorità numerica il pallone resta saldamente in controllo della compagine di casa, ma la giornata è di quelle da incubo e dieci minuti dopo l’inizio della ripresa il Castion va sul3 a1 con l’ennesimo lancio lungo della difesa ospite che coglie impreparati tutti e tre i difensori pontalpini, Robassa ringrazia e mette meritatamente la sua firma sulla gara.

Saltano i nervi alla squadra di De Biasi che rischia la goleada, ma l’attacco del Castion la grazia in almeno tre nitide occasioni. Per il Coi si rende pericoloso Piazza con un bel tiro dalla distanza che Battorti smanaccia fortunosamente sulla traversa.

C’è ancora tempo per la seconda espulsione della gara, quando Federico Bortot, già ammonito, calcia via il pallone a gioco fermo per ben due volte, facendosi espellere stupidamente per doppia ammonizione e lasciando i suoi compagni in 9.

Il triplice fischio finale è forse una liberazione e lascia i pontalpini a bocca asciutta dopo aver paradossalmente giocato una delle migliori partite della propria stagione. (Emanuele Collazuol)

Informazioni su Redazione 10473 Articoli
GOBelluno Notizie © è un quotidiano on line che tratta argomenti inerenti alla Provincia di Belluno. E' una testata giornalistica registrata al Tribunale di Belluno in data 21/12/2011 al n. 7 del Registro della stampa e con Direttore Luca Mares.

Commenta per primo

Lascia un tuo commento all'articolo ...

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.