Feltre: un buon inizio per “Feltre e il Risorgimento” e la Pala di Caupo

Parte centrale del dipinto "Pala di Caupo"
Parte centrale del dipinto “Pala di Caupo”

FELTRE – Dopo la presentazione tenutasi lo scorso 14 marzo, con la quale è stato sancito ufficialmente il ritorno al Museo civico di Feltre della Madonna col Bambino, il Redentore, San Vito e San Modesto di Lorenzo Luzzo, meglio nota come Pala di Caupo, l’interesse per i contenuti della struttura museale di via Luzzo sembra aumentato.

L’ingresso gratuito di domenica 18 marzo, voluto dall’Assessore alle Politiche della Cultura Ennio Trento, anche per incentivare le visite alla mostra “Feltre e il Risorgimento” nonostante la giornata uggiosa,  ha fatto registrare 115 ingressi al Museo civico.

Tra essi numerosi feltrini, ma anche alcuni bellunesi mossisi appositamente dal capoluogo per cogliere l’opportunità data dal rientro della preziosa Pala e della presenza di una mostra storica.

Positivi i commenti: tutti hanno espresso compiacimento per l’obiettivo raggiunto e il desiderio che il dipinto concesso in comodato biennale dalle Gallerie dell’Accademia resti permanentemente al Museo civico.

Sabato scorso, l’Associazione Fenice arte, cultura, turismo onlus ha tenuto la prima visita guidata alla mostra “Feltre e il Risorgimento” per le scolaresche e vi sono altre prenotazioni.

Per chi volesse prenotare, il numero da chiamare è il 340/5557792.

Commenta per primo

Lascia un tuo commento all'articolo ...

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.