Ponte: riprenderanno domani le ricerche di Aldino De Toffol

I volontari del Soccorso Alpino
I volontari del Soccorso Alpino

PONTE NELLE ALPI – Nulla che faccia luce sulla scomparsa di Aldino De Toffol è emerso oggi dalle ricerche portate avanti da una settantina di persone in una vasta area attorno all’abitato di Quantin, da dove il cinquantenne di Ponte nelle Alpi si è allontanato domenica pomeriggio senza più far ritorno.

Suddivisi in squadre, i soccorritori hanno perlustrato le zone affidate loro dal coordinamento, posto nel piazzale della chiesa di Quantin, nei dintorni della frazione e allargandosi verso l’esterno, a Losego, Pian Longhi, Pus, Col di Cugnan.

I forristi hanno disceso la gola di Rio Bars e la seconda parte della Val Maggiore, per escludere che l’uomo potesse esservi caduto.

Una dozzina le unità cinofile presenti, compreso un cane molecolare, fatto partire dall’abitazione da cui, verso le 14, è uscito De Toffol domenica scorsa.

A parte un testimone che lo ha visto poco dopo all’uscita dell’abitato di Quantin, nessun altro è stato in grado di dare informazioni utili.

Al momento della scomparsa, l’uomo, che è alto un metro e settanta circa e ha capelli bianchi, indossava pantaloni marroni e maglione beige. Chiunque lo avesse incontrato è pregato di contattare i carabinieri.

Oggi erano presenti soccorritori delle Stazioni di Longarone, Belluno, Alpago, Feltre, Prealpi Trevigiane, Agordo, Cortina, Auronzo, Val Pettorina e una squadra speleo del Veneto Orientale, vigili del fuoco, forestali e Guardia di finanza.

Il Soccorso alpino ringrazia per disponibilità e gentilezza il sindaco di Ponte nelle Alpi e il gestore della cooperativa alimentare di Quantin.

La ricerca riprenderà domattina.

Commenta per primo

Lascia un tuo commento all'articolo ...

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.