Hockey serie A: la risposta di Nilo Riva alla Presidentessa del Pontebba

Nilo Riva, Vice Presidente Alleghe Hockey
Nilo Riva Vice Presidente Alleghe Hockey

ALLEGHE – In risposta alla lettera pubblicata sul sito IceHockeyOnline.net,  segue la risposta del Vice Presidente dell’Alleghe Hockey Tegola Canadese Ing. Nilo Riva.

«Gentile Signora Anna Bertanza, Presidente Aquile FVG Pontebba. Ho letto la Sua lettera che, sinceramente, mi ha fatto molta tenerezza per quanto in essa contenuto, in quanto è una chiara dimostrazione che è stata male informata dai Suoi collaboratori e che conosce assai poco i regolamenti di gioco.

Non so da quanto tempo Lei rivesta la carica di Presidente, ma non mi sembra di avere ancora avuto il piacere di vederLa alle numerose riunioni di Lega (a dire il vero neanche i Suoi collaboratori vi partecipano spesso) e se avesse partecipato forse avrebbe un’altra idea del nostro movimento.

Non corrisponde al vero quanto Lei asserisce che la Sua Società (ed il Valpellice) siano prese di mira “da tutti gli altri”; sono invece queste due Società che, pur essendo in Serie A non per meriti sportivi ma per deroghe concesse dal movimento, non accettano le decisioni prese dalla maggioranza delle Società, in un momento così delicato dell’economia del Paese. Il fatto di non aver ricevuto delle trasmissioni TV è dovuto anche al mancato pagamento della quota associativa (a tutt’oggi ancora non corrisposta!); faccio presente che l’anno scorso la quota era stata pagata dalla Sua Società solo dopo molti mesi di sollecitazioni in merito. Inoltre alla LIHG è stata più volte segnalata la Vostra inadempienza nel pagamento di vari impegni assunti (Elpo, fornitori di materiali da hockey, giocatori); dopo diversi anni che la Sua Società si è avvicinata all’hockey, non è ancora riuscita ad organizzare un adeguato settore giovanile, forse perché non è stata investita nel settore una adeguata porzione di bilancio societario (paesi più piccoli del Suo riescono ad avere un valido settore giovanile, ma perché in questo investono una buona parte delle loro disponibilità). Questo modo di operare viene comunemente considerato “doping amministrativo”.

Per quanto concerne gara 1, con le Sue affermazioni dimostra proprio di non conoscere il regolamento di gioco. Un fallo come quello fatto dal Suo atleta IHNACAK, come può ben vedere dal filmato inserito sul sito della nostra Società, è di una gravità inaudita, in quanto si tratta di un ”ferimento volontario”, che, se gli arbitri avessero riportato fedelmente quanto successo in campo, per quest’anno l’atleta avrebbe smesso di giocare; come si può verificare su YOU TUBE l’atleta in questione ha già commesso un fallo simile in altro campionato (Slovacchia) e gli chieda quale è stata la relativa sanzione ricevuta.

E’ molto grave che Lei affermi che “gli arbitri sono di parte”; nelle mie affermazioni ho invece detto che gli arbitri designati erano inadeguati (e lo ho detto già al mattino), ma non metto mai in dubbio la buona fede della classe arbitrale; è piuttosto il designatore che dovrebbe essere più attento nelle designazioni!

Per quanto concerne l’episodio di fine partita Le assicuro che se qualcuno ha sbagliato, quello era il Suo dirigente (che Le avrà sicuramente riportato cose non vere). A incontro abbondantemente finito il Suo dirigente è passato nella zona antistante gli spogliatoi e, mentre stavo telefonando, Le ho porto la mano (nonostante fossi piuttosto arrabbiato per le ingiustizie subite!); oltre a non stringermi la mano il Suo dirigente si è espresso con frasi “poco sportive”, provocando sia la mia reazione (contenuta) che quella del nostro allenatore: chi conosce STEVE MC KENNA, per il suo curriculum di NHL e per il suo carattere, può ben capire chi avesse ragione!

Capisco benissimo che è difficile creare una Società dal nulla e forse peccano la Federazione e la LIHG per non aver organizzato dei corsi di formazione per dirigenti, specie per le nuove Società.

La saluto cordialmente e, prima di far certe esternazioni, cerchi di informarsi adeguatamente, senza credere ciecamente a quanto Le riferiscono.

Cordialmente».

(Nilo Riva, Vice Presidente Alleghe Hockey)

5 Commenti

  1. Abbiamo sempre sentito parlare di problemi nella società del Pontebba, inerenti a pagamenti mai eseguiti ai giocatori, materiale non pagato, ect ect … E sempre abbiamo pensato alle “solite dicerie da bar”… ma adesso arriva la risposta di Riva a confermare quanto sentito negli ultimi anni!!!! Bhe che dire… Forse è meglio iniziare dai fondamentali e lasciare stare per un pò la “speranza di sembrare una squadra seria”.
    Complimenti al Pontebba per la serietà con la quale affronta lo sport dell’hockey… voto 10!!!

  2. Una semplice vergogna,
    questa squadra dovrebbe rappresentare la regione Friuli ?

    no, mi dispiace ma non mi sento rappresentato da una società che si comporta in questa maniera, dalla lettera di Riva si parla di debiti verso lega, fornitori, giocatori e la presidente si lamenta ?
    faccia 4 conti e saldi i debiti, poi facciamola parlare di hockey.

    dimitri sta continuando ad aspettare i suoi soldi ma da quello che scrive non dovrebbe essere il solo, ma perchè il resto dei giocatori non si fa avanti ?

  3. Ciao – I am a player from Pontebba and I also have not received my money in the same way that Dimitri has not. There are several of us still that have not received any money from the team – it is a shame.

    (Traduzione: “Ciao sono un giocatore da Pontebba e anche io non ho ricevuto il mio denaro allo stesso modo che Dimitri non ha. Ci sono ancora molti di noi che non hanno ricevuto denaro da parte del team, è una vergogna.“)

  4. SI DIMETTA SIGNORA BERTANZA
    questo è hockey
    non è presidente della casa di riposo di Pontebba

    prima si informi sui fatti
    poi si legga i regolamenti

    alla fine forse potrà fare la tifosa

  5. Hey.
    Ho giocato a hockey su ghiaccio Hockey AquileFVG (Pontebba) stagione 2010-2011. Aprile 2011 quando la stagione era finitasono tornato a casa, ma il mio stipendio finale. Il club mi ha promesso di pagarea me entro il 28 maggio 2011 Ora è 9 marzo 2012 e non ho ancora sentito niente dal club o visto i miei soldi. Ho cercato di contattare il club, ma non risponde.
    Ma io non sono il solo! Siamo 8-10 giocatori che non hanno ricevuto gli stipendidello scorso anno. Alcuni giocatori non hanno ricevuto 3-4 stipendi mensilirispetto allo scorso anno!. Il club ignorato questa ed avere sempre più nei debiti.Ma continui ad acquisire nuovi giocatori e attirare con loro. Poveri giocatori italiani: Alcuni di loro non sono stati pagati per 7 mesi! Come può farlo il club ‘. Igiocatori hanno le famiglie!
    Il presidente del club Anna Maria Bertanza e Direttore Generale Saverio Anziluttifare nulla. Saverio Anzilitti minaccia anche i giocatori. Se lasciare il club, in modo che non vedranno i loro soldi. Sì, ho sentito questo dai giocatori italiani. Come possono fare questo. Quando sarà finito questo? C’è qualcuno in grado di agire e fare qualcosa!
    Ho una famiglia. Non sono felice che il club ha fatto questo a me. Pensate a tutte le altre famiglie!

Lascia un tuo commento all'articolo ...

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.