Hockey serie A master round: colpaccio del Bolzano a Cortina

Felicetti cerca il gol (L. Mares - Tiellephoto.it)
Levasseur durante un attacco (L. Mares - Tiellephoto.it)

CORTINA D’AMPEZZO – Il Bolzano resta in testa al master round, espugnando di misura l’Olimpico di Cortina. Gli ampezzani, chiamati ad una reazione dopo la scoppola subita al Palaonda, non possono ancora contare su Luca Zanatta, infortunato, e rinunciano pure ad Jan Öberg, escluso per la rotazione degli stranieri. In casa Foxes, come nella sfida di sabato, mancano all’appello il terzino Josh Meyers e l’attaccante Marco Insam.

L’inizio del match si contraddistingue per un sostanziale equilibrio: i ritmi sono elevati, con gli ospiti che si affidano in maniera particolare alla loro prima linea offensiva e i padroni di casa pronti a rispondere colpo su colpo. Al 13.18 viene meno lo zero a zero e, a passare, sono i ragazzi guidati da Stefan Mair, che si affidano, per il vantaggio, alla stecca di Ryan Menei. Il numero 10 degli Scoiattoli ci prende gusto, andando a raddoppiare in situazione di powerplay, a 59 secondi dal suono della prima sirena.

La compagine altoatesina fatica nella reazione, soprattutto perché, alla ripresa del gioco, deve fare i conti con una serie di situazioni di inferiorità, che certo non permettono di offendere. Appena l’uomo in più ce l’ha il Bolzano, però, si registra la rete che porta i biancorossi a meno uno dal Cortina: a referto, al 27.52, MacGregor Sharp. Lo special team altoatesino funziona pure una decina di minuti più tardi e porta al sigillo del pari, firmato da Derek Edwarson. L’Olimpico, poi, viene raggelato al 38.49: Egger e compagni, infatti, ribaltano completamente la situazione, centrando il sorpasso ancora con Sharp, ma questa volta con l’uomo di movimento in meno.

La sosta fa bene ai padroni di casa, i quali, in avvio di terzo tempo, agganciano i biancorossi, grazie a Rob Hennigar, a segno in una situazione favorevole di cinque contro quattro. Le emozioni, in ogni caso, continuano a susseguirsi, e, sempre in powerplay, i Foxes rimettono la freccia, a referto con Andrea Ambrosi, a seguito di una conclusione dalla distanza. Il gol del 3 a 4 basta e avanza alla squadra di Insam che tiene botta sino al termine, portando a casa altri tre punti contro il Cortina.

Hafro SG Cortina – HC Bolzano 3:4 (2:0, 0:3, 1:1)

Hafro SG Cortina: Jean-Philippe Levasseur (Renè Baur); David Bowman, Paul Baier, Mark Isherwood, Luca Zandonella, Michele Zanatta; Ryan Dingle, Curtis Fraser, Rob Hennigar, Jonas Johansson, Luca Felicetti, Giorgio De Bettin, Ryan Menei, Francesco Adami, Andrea Moser, Denis Soravia, Andrea Baldo, Christian Menardi; Coach: Stefan Mair

HC Bolzano: Matt Zaba (Günther Hell); Brandon Rogers, Alexander Egger, Christian Borgatello, Andrea Ambrosi, Daniel Fabris; Stefano Giliati, Jordan Knackstedt, Mac Gregor Sharp, Derek Edwarson, Mark McCutcheon, Anton Bernard, Stefan Zisser, Enrico Dorigatti, Christian Walcher, Tuomo Harjula, Federico Demetz; Coach: Adolf Insam

Marcatori: 1:0 Ryan Menei (13.18), 2:0 Ryan Menei (19.01), 2:1 MacGregor Sharp (27.52), 2:2 Derek Edwardson (36.08), 2:3 MacGregor Sharp (38.49), 3:3 Rob Hennigar (42.22), 3:4 Andrea Ambrosi (47.29)

Le partite di hockey Serie A di giovedì 23 febbraio (4° giornata master round):
Aquile FVG Pontebba – Lupi Fiat Professional Val Pusteria 3:5 (1:3, 1:1, 1:1)
Hafro SG Cortina – HC Bolzano 3:4 (2:0, 0:3, 1:1)

Classifica del master round:
1. HC Bolzano 44
2. Lupi Fiat Professional Val Pusteria 42
3. Hafro Sg Cortina 34
4. Aquile Pontebba 32

Intervista all’attaccante Curtis Fraser al termine del match col Bolzano:

Commenta per primo

Lascia un tuo commento all'articolo ...

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.