Belluno: domani alle 17 le famiglie a teatro al Comunale

Uno spettacolo teatrale organizzato da TIB

BELLUNO – Si conclude domani domenica 5 febbraio alle ore 17, con ANIMA BLU, al Teatro Comunale di Belluno la diciannovesima edizione di Comincio dai 3, la Stagione di Teatro per l’’Infanzia e la Gioventù organizzata da Tib Teatro, per la direzione artistica di Daniela Nicosia, con la Fondazione Teatri delle Dolomiti e il Comune di Belluno, la manifestazione è realizzata nell’’ambito dell’’accordo di programma Regione del Veneto-Province del Veneto-Reteventi Cultura 2011-Provincia di Belluno, con il Ministero per i Beni e le Attività Culturali, e con il patrocinio della Regione del Veneto, MIUR–USR del Veneto –Ufficio Scolastico Provinciale di Belluno e Agiscuola.

Il terzo e ultimo appuntamento per le FAMIGLIE A TEATRO è un bellissimo omaggio al pittore Marc Chagall: ANIMA BLU – Premio Eolo Awards 2008 per il miglior spettacolo di Teatro Ragazzi Italiano e premiato per la migliore scenografia al Festival Feten 2009 di Gijon (Spagna) è uno spettacolo ricco di suggestioni, dove l’’incontro tra i corpi dei due attori e le immagini pittoriche dà corpo e voce agli esseri che popolano le tele del celebre artista bielorusso, restituendoci un racconto fatto di ritmo, visivo e sonoro, di colori e forme plastiche che si condensano in un gigantesco gallo o nel grembo materno di una cavalla, nel corpo di un musicista sul tetto o in quello di due innamorati che volano sopra una città silenziosa… e intanto da lontano arriva il suono di un violino, il vociare di una festa.

Il punto di partenza sono le tele di Chagall, per compiere un viaggio nella poetica di un pittore capace di emozionare. Tematiche quali la nascita, l’’amore, la solitudine, la città, la festa, il circo, la guerra, la morte, emergono dall’’interiorità di un pittore-poeta e prendono forma in icone che rimandano all’’onirico, queste immagini, ricche di suggestioni, tessono trama e ordito fino a costruire una piccola storia, un mondo silenzioso trova così la sua sonorità.

Nello spettacolo si susseguono continui passaggi dalla realtà del quotidiano alla fantasia di evasione da esso, che consente di entrare nel sogno dei desideri impossibili. Questi due mondi separati e paralleli, della realtà e del sogno appunto, si alternano sulla scena e finiscono per confondersi uno nell’’altro, integrandosi tra loro fino a che non saranno più due mondi distinti, ma un unico momento che li contiene entrambi.

 

Commenta per primo

Lascia un tuo commento all'articolo ...

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.