Caccia e pesca, divieto temporaneo fino all’11 novembre

Un cervo al pascolo (Manuel Favero)

VENEZIA – Con due decreti, siglati in data 4 novembre 2018, il Presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, ha confermato ancora per una settimana il divieto di caccia per la Provincia di Belluno e per la porzione di territorio amministrativo della Provincia di Vicenza posto al di sopra del limite della Zona faunistica delle Alpi, secondo la individuazione vigente, e come indicato dalla cartografia allegata al Piano faunistico venatorio regionale 2007-2012.

Il divieto relativo all’attività di pesca dilettantistica e sportiva rimane in vigore – sempre una settimana – per il solo territorio della Provincia di Belluno.

I divieti temporanei di caccia e pesca sono pertanto in vigore dal 5 all’11 novembre.

Informazioni su Redazione 9780 Articoli
GOBelluno Notizie © è un quotidiano on line che tratta argomenti inerenti alla Provincia di Belluno. E' una testata giornalistica registrata al Tribunale di Belluno in data 21/12/2011 al n. 7 del Registro della stampa e con Direttore Luca Mares.

1 Commento

  1. Per questa volta apprezziamo la buona volontà del Presidente Regionale di confermare il divieto di caccia nel Bellunese e nel Vicentino. Nonostante cio’ mi domando se non fosse stato il caso di estendere il divieto anche in Provincia di Treviso, di Rovigo e di Padova. Comprendo che bisogna assicurare le esigenze della caccia e del suo indotto ma proprio perchè soprattutto la Provincia di Belluno è stata martoriata non si poteva magari estendere il divieto in modo permanente almeno per quest’anno. La domanda che pongo al Governatore è molto semplice, umana e da riflettere: “gli piacerebbe essere un animale del bosco o di pianura ormai con un’ambiente che non corrisponde piu’ a quello di 50 anni or sono, subire gli allagamenti con il rischio di annegare, poi come non bastasse scappare dal fuoco ed in ultima vedersi cacciare con pallottole che uccidono un elefante”? Ma l’umanità dell’uomo dove è andata finire? Ma il buon senso da che parte stà? Come si puo’ parlare di fede se poi non si lasciano in pace almeno per un periodo di tempo gli animali del bosco? Ma la caccia ha ancora senso? Ma non è preferibile concentrare le risorse e le strategie per aiutare i Bellunesi in questo periodo e lasciar perdere la caccia? Chi ha orecchie per intendere e bocca per parlare, intenda e parli.

Lascia un tuo commento all'articolo ...

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.