Sportivamente Belluno, il bilancio 2017 chiude in utile

BELLUNO – Si è tenuta questa mattina negli uffici della Piscina a Lambioi l’assemblea di Sportivamente Belluno, società controllata al 100% dal Comune di Belluno: presenti il sindaco di Belluno, Jacopo Massaro, l’amministratore unico della società, Fabio Gasperin, e il revisore dei conti, riconfermato per il triennio 2018-2020, Attilio Sommavilla.

I numeri – Sportivamente Belluno presenta una situazione finanziaria sana, con equilibri sia a breve che a medio/lungo termine: il bilancio 2017 si è chiuso con un utile netto di poco superiore ai 39 mila euro, a fronte di un fatturato che ha sfiorato l’importo di 1,6 milioni di euro. La società gestisce gli impianti sportivi comunali (piscina, palasport, Spes Arena e stadio polisportivo) nonché il parco fluviale di Lambioi; sul fatturato complessivamente realizzato, la parte più significativa è generata dalla piscina, che da sola produce 1,3 milioni di ricavi. Sportivamente gestisce strutture aperte circa 14 ore al giorno per 360 giorni l’anno e vi fa fronte avvalendosi di 14 dipendenti, di cui 5 part-time, ai quali si aggiungono una quarantina di liberi professionisti impegnati come istruttori nei vari corsi proposti dalla piscina. Per quanto riguarda gli impianti, la Spes Arena ha visto un totale di ore di utilizzo pari a 4112 sui quattro campi da volley e quello da calcetto; 8796 le ore di utilizzo del Palasport De Mas, tra palestre e boulder, con un ruolo importante rivestito dalle scuole; 4903, infine, le ore in cui il campo grande, quello sintetico e la pista di atletica sono state occupati allo Stadio polisportivo. 4400 invece gli abbonamenti alla piscina; oltre 170 mila i passaggi registrati nel corso dell’anno passato.

Le prossime attività – A commentare i dati positivi e le prospettive future è l’amministratore unico, Fabio Gasperin, entrato in carica lo scorso settembre: «Ho trovato una situazione molto ben gestita, grazie al lavoro dei miei predecessori e alla collaborazione dell’amministrazione e degli uffici tecnici e amministrativi comunali. – commenta – Gli equilibri raggiunti e l’assenza di debiti straordinari ci consentono investimenti per i miglioramenti delle strutture, oltre che il mantenimento invariato delle tariffe, sia per la piscina che per gli impianti sportivi». Con il supporto dell’amministrazione comunale, sono stati e verranno effettuati diversi interventi in materia di risparmio energetico: «Tra energia elettrica e energia termica per la piscina spendiamo circa 250mila euro all’anno; – spiega Gasperin – sono stati fatti interventi sull’impianto di illuminazione della piscina, ed entro l’anno verrà realizzata la nuova centrale termica, con la sostituzione delle caldaie. Inoltre, sempre nel 2018 verrà sostituito l’impianto di filtrazione dell’acqua di ricircolo, per un costo di circa 30mila euro». Questi i lavori a carico di Palazzo Rosso, ma dai risparmi di gestione ottenuti nasceranno nuovi investimenti da parte di Sportivamente: «Andremo a rifare, con circa 30mila euro, l’impiantistica delle linee phon, potenziandole in modo da consentire al pubblico femminile anche l’uso delle piastre per capelli, un servizio che ci viene molto richiesto. – illustra Gasperin – Inoltre, contiamo di installare dei teli di copertura automatici delle vasche tuffi e baby, per mantenere la temperatura dell’acqua e evitarne l’evaporazione durante le ore di non utilizzo. Questo intervento costerà circa 20mila euro». Infine, una proposta per il 2019: «Proporremo all’amministrazione una revisione verso il basso delle tariffe per la Spes Arena: – conclude Gasperin – intendiamo mantenere questi costi nel periodo invernale e introdurre un abbassamento nei periodi primavera/estate, quando abbiamo minori costi di riscaldamento e illuminazione, per stimolare l’utilizzo»

Il commento – «Si è chiuso un 2017 molto positivo, sia dal punto di vista finanziario che da quello degli interventi fatti e programmati. – commenta il sindaco, Jacopo Massaro – La soddisfazione è tanta: quando siamo entrati, la società aveva debiti importanti e rischiava il fallimento, oggi c’è stato un completo rilancio, grazie all’impegno dell’amministrazione comunale e dei vertici della Sportivamente Belluno che si sono alternati in questi anni».

Informazioni su Redazione 9438 Articoli
GOBelluno Notizie © è un quotidiano on line che tratta argomenti inerenti alla Provincia di Belluno. E' una testata giornalistica registrata al Tribunale di Belluno in data 21/12/2011 al n. 7 del Registro della stampa e con Direttore Luca Mares.

2 Commenti

  1. Peccato vedere come sia stato buttato alle ortiche un palaghiaccio che avrebbe un bacino di utenza enorme con una buona gestione con la scusa che la struttura era inagibile, poi misteriosamente ritornata agibile per far giocare a calcetto

  2. Le varie giunte comunali che si sono susseguite in materia di impiantistica sportiva si devono vergognare. Siamo fermi agli anni 80. Non c’e’ stata nessuna pianificazione e capacità di investimento in un settore che è solo e sempre stato visto come un problema da gestire piuttosto che un opportunità di sviluppo economica e sociale. La città di Belluno è senza un impianto stabile per la pratica delle discipline sportive del ghiaccio e questo è inaccettabile. In un momento dove realtà limitrofe vanno a gonfie vele e dove stanno sorgendo impianti anche in pianura.
    E non si tiri in ballo la scusa dei fondi o dell’esosita’ della gestione di tali strutture perché in 30 anni le tecnologie sono cambiate, come pure le caratteristiche di questi impianti. Manca semplicemente la volontà. Vergogna.

Lascia un tuo commento all'articolo ...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.