ULSS 1 Dolomiti: consegnati i defibrillatori in comodato d’uso alle stazioni CNSAS

BELLUNO – Nel mese di marzo la Direzione della Centrale Operativa del 118 ha consegnato ad Alex Barattin, alla 2° Delegazione CNSAS Dolomiti bellunesi, n. 17 D.A.E. (defibrillatori semiautomatici).

La consegna dei defibrillatori è avvenuta a seguito della conclusione di  una gara regionale,  gestita dall’ULSS 1 come Azienda capofila in Regione per l’acquisizione, con fondi nazionali, di 200 defibrillatori per tutto il Veneto.

L’ULSS 1 Dolomiti, come previsto dalla Convenzione con il Soccorso Alpino e Speleologico Veneto (SASV) –  Corpo Nazionale del Soccorso Alpino e Speleologico (CNSAS), ha consegnato in comodato d’uso un defibrillatore semiautomatico ad ogni Stazione C.N.S.A.S, secondo le disponibilità delle forniture regionali e sulla base di un piano di consegna,  legato anche al numero degli interventi svolti; infatti le stazioni del CNSAS, che intervengono su tutto il territorio provinciale in ambiente impervio ed ostile, rappresentano la prima risposta sanitaria che, in attesa del soccorso professionalizzato,  presta le prime cure alla persona soccorsa, che può essere colpita sia da una causa traumatica che da un malore, di origine cardiaca o altro.

E’ quindi importante che, in caso di arresto cardiocircolatorio, i primi soccorritori siano in grado di applicare le manovre di rianimazione di base ed, eventualmente, di effettuare la defibrillazione.

Ecco, di seguito, la lista delle stazioni che hanno ottenuto la dotazione: Auronzo di Cadore, Alpago, Pieve di Cadore, Feltre, Val Biois, Prealpi trevigiane, Pedemontana del Grappa, Belluno, Agordo, Longarone, Livinallongo, Centro Cadore, Alleghe, Val di Zoldo, Val di Comelico, Val Pettorina, Val Fiorentina.

Informazioni su Redazione 8651 Articles
GOBelluno Notizie © è un quotidiano on line che tratta argomenti inerenti alla Provincia di Belluno. E' una testata giornalistica registrata al Tribunale di Belluno in data 21/12/2011 al n. 7 del Registro della stampa e con Direttore Luca Mares.

Be the first to comment

Rispondi