Importante traguardo per il Centro di Chirurgia Oncologica Gastrointestinale

FELTRE – A tre anni dalla sua istituzione, disposta dalla delibera regionale n. 2122/2013 di approvazione delle schede di dotazione ospedaliera, la Struttura di riferimento regionale di chirurgia oncologica gastrointestinale acquisisce la certificazione di qualità ISO 9001:2008 per venticinque Percorsi Diagnostico Terapeutici Assistenziali (PDTA) molti dei quali integrati fra Ospedale e Territorio.

Il percorso di certificazione, avviato nel 2015 coordinato dal direttore dell’unità operativa di gastroenterologia, Michele De Boni, e dal Servizio Controllo Interno – Accreditamento e Qualità di Feltre, ha coinvolto professionisti di nove Unità Operative:  Gastroenterologia,  Anatomia Patologica, Oncologia, Chirurgia Generale, Rete Cure Palliative, Radiologia, Anestesia e Rianimazione, Ostetricia e Ginecologia, Otorinolaringoiatria, nelle quali sono impiegati oltre 300 operatori fra personale medico e del comparto.

Questo percorso di certificazione ha una lunga storia: già attivo nell’unità operativa di Gastroenterologia dal 2001, è stato successivamente implementato con la certificazione del Dipartimento Oncologico (2011) e con la certificazione dei PDTA dei tumori dell’apparato digerente e della mammella, delle Malattie Infiammatorie Croniche Intestinali, delle emorragie digestive e delle pancreatiti. Nel corso nel 2016 e 2017, grazie anche al contributo dell’Associazione Filo di Arianna, è stato possibile estendere il sistema di gestione di qualità ai PDTA dei tumori delle vie aero-digestive superiori, del naso e dei seni paranasali, del collo, della tiroide e delle ghiandole salivari maggiori. dell’apparato genitale femminile, delle patologie del pavimento pelvico (dolore pelvico cronico).

Inoltre i medici delle unità operative di Gastroenterologia, Anatomia Patologica e Oncologia hanno partecipato attivamente alla stesura di alcuni PDTA promossi dalla Rete Oncologica Veneta (stomaco, colon, fegato e vie biliari, neuroendocrini) a loro volta  deliberati dalla Regione Veneto stessa e coerentemente resi operativi nel nostro ospedale, all’interno di un sistema di gestione qualità certificato da “Certiquality”.

Numerose evidenze sottolineano come l’outcome di pazienti trattati da un team multidisciplinare sia migliore rispetto a quello informale fornito separatamente da specialisti diversi. Il disegno multidisciplinare dell’ assistenza offre al paziente la possibilità di essere seguito da un team di specialisti che collaborano ed interagiscono prendendosi cura della persona prima ancora che della patologia diagnosticata. Questo si traduce in un minor numero di visite, archiviazione centralizzata delle indagini e terapie con disponibilità di accesso immediato e semplificato e quindi con riduzione dei costi.

Questo Centro di Chirurgia Oncologica Gastrointestinale a valenza Regionale propone programmi di assistenza multidisciplinari offrendo un ampio spettro di servizi e supporti clinici che vanno dalla diagnosi al trattamento, dalla prevenzione al Counselling delle patologie del tratto digestivo.

L’ obiettivo è quello di garantire un’ assistenza di alta qualità, integrata, costo-efficace e innovativa grazie alla stretta collaborazione con lo IOV e  Centri Universitari.

Mission di questo Centro e’ quello di offrire all’utente un’assistenza non più focalizzata sulla singola patologia ma all’interno di un sistema che ponga al centro il cittadino con la globalità dei suoi bisogni, offrendo competenze e tecnologie all’ avanguardia.

«Questa certificazione assicura la buona qualità dell’organizzazione del Santa Maria del Prato e del centro di riferimento regionale per la chirurgia oncologica gastroenetrologica in particolare», conclude il direttore generale Adriano Rasi Caldogno.

Informazioni su Redazione 8596 Articles
GOBelluno Notizie © è un quotidiano on line che tratta argomenti inerenti alla Provincia di Belluno. E' una testata giornalistica registrata al Tribunale di Belluno in data 21/12/2011 al n. 7 del Registro della stampa e con Direttore Luca Mares.

Be the first to comment

Rispondi