Ritrovato il corpo senza vita di Ermes Franzogna

CISON DI VALMARINO – È stato ritrovato e recuperato il corpo senza vita di Ermes Franzogna, il quarantenne di Trichiana (BL), uscito di casa giovedì 26 gennaio senza più fare rientro, le cui ricerche erano state avviate sabato 28 gennaio, dopo il ritrovamento della sua macchina bloccata sopra Passo San Boldo. Ieri è arrivata una segnalazione da parte di alcuni ragazzi della Protezione civile dell’Ana, che con il binocolo avevano visto qualcosa in fondo a un canale lungo la strada Caldella, che attraverso il bosco scende dal San Boldo a Tovena, poco meno di un chilometro in linea d’aria dal luogo dove si trovava l’auto. Questa mattina, in accordo con Prefettura, carabinieri e Vigili del fuoco, una squadra del Soccorso alpino Dolomiti Bellunesi si è portata sul luogo indicato e,  prima due soccorritori, seguiti poi da altri due, si sono calati lungo la ripida e stretta gola fino a raggiungere il corpo dell’uomo. Ricomposta e imbarellata, la salma è stata quindi spostata in un punto più agevole dove l’elicottero del Suem di Pieve di Cadore è riuscito a ultimare il recupero utilizzando un verricello, per trasportarla poi fino alla strada e affidarla al carro funebre diretto alla cella mortuaria. Anche i 4 soccorritori sono stati imbarcati nello stesso modo per essere riportati a valle. Da una prima ricostruzione Ermes, che ha sicuramente perso subito la vita in seguito ai gravi traumi riportati, si deve essere allontanato dalla macchina iniziando a scendere verso Tovena fino a trovare il canale che probabilmente ha preso pensando lo portasse sulla strada sottostante. Lì purtroppo, quando la gola è diventata sempre più impervia e verticale, deve essere scivolato e ruzzolato per decine di metri. Il Soccorso alpino Dolomiti Bellunesi si stringe al dolore della famiglia.

Informazioni su Redazione 8651 Articles
GOBelluno Notizie © è un quotidiano on line che tratta argomenti inerenti alla Provincia di Belluno. E' una testata giornalistica registrata al Tribunale di Belluno in data 21/12/2011 al n. 7 del Registro della stampa e con Direttore Luca Mares.

Be the first to comment

Rispondi