Alberto Levis, tra un sogno e tre realtà a fumetti

Da sx Roberto Totaro, Alberto Levis ed Eugenio Padovan
Da sx Roberto Totaro, Alberto Levis ed Eugenio Padovan

BELLUNO – “In viaggio con Bertolino. Dal Tardo Antico al Medioevo nella Valbelluna”. E’ questo il titolo del  nuovo libro a fumetti di Alberto Levis che è stato presentato pochi giorni fa. Si tratta del terzo volume di una trilogia che comprende “In viaggio con Bertolino. Alla scoperta della preistoria nella Valbelluna” e “In viaggio con Bertolino. L’impero romano nella Valbelluna”. Abbiamo incontrato alberti in centro a Belluno per “quattro chiacchiere”.

Alberto Levis, come ti presenti?

«Io sono un sognatore, perché fin da bambino avevo due sogni: sciare e disegnare. Nel tempo sono diventato maestro di sci e ho seguito un percorso, poi con la nascita di mia figlia ho iniziato a raccontare le prime storie e a coltivare il disegno, provando a cimentarmi nel realizzare un libro. Da qui la nascita della trilogia che narra la preistoria e l’impero romano nella Valbelluna, prima, e Ddal Tardo Antico al Medioevo nella Valbelluna dopo».

Quindi, visto il poco tempo che hai da dedicare alla tua passione, possiamo definirlo un sogno…

«Proprio si, un sogno. Quando ho deciso di trasformare in realtà il mio progetto, mi sono iscritto al corso di Totaro e in quel momento ho confessato al maestro la mia voglia di realizzare un libro… ovviamente sembrò subito un passo troppo lungo, ma io ci ho creduto fino in fondo!».

Di cosa stiamo parlando?

«Di un progetto locale, nato dalla voglia di far conoscere ai bambini una storia vera, con il messaggio che anche a Belluno sono accaduti avvenimenti importanti. Quindi perché non creare un fumetto divertente che possa incuriosire i bambini che lo leggono? Premetto che non sono un professore, ma un semplice papà sognatore. Ovviamente tutti i riferimenti storici sono seguiti e controllati dall’archeologo Eugenio Padovan, che a fine libro ha fatto anche alcuni approfondimenti, riportandone la bibliografia».

Quindi il sogno è diventato realtà, e adesso?

«Adesso ho in mente una nuova sfida: voglio creare una fiaba nuova, tutta mia, con personaggi creati da me… vediamo se ne sarò capace, intanto sognare non costa niente».

Su chi testi i tuoi racconti?

«I miei figli, perché quando mostro loro i disegni ho un primo test, se guardando sorridono significa che ci siamo, ma se invece storgono il naso, c’è qualcosa che non va. Il bello dei bambini è che non hanno mezze misure, o va bene o va male».

Grazie ad Alberto Levis e… al prossimo sogno!

Informazioni su Redazione 8930 Articles
GOBelluno Notizie © è un quotidiano on line che tratta argomenti inerenti alla Provincia di Belluno. E' una testata giornalistica registrata al Tribunale di Belluno in data 21/12/2011 al n. 7 del Registro della stampa e con Direttore Luca Mares.

Be the first to comment

Rispondi