Belluno: Fabio De Mas in partenza per il Polo Nord

Fabio De Mas in partenza per il Polo Nord
Fabio De Mas in partenza per il Polo Nord

BELLUNO – Partirà domani da Belluno per raggiungere Venezia con direzione Oslo, poi il giorno dopo Longyearbyen dove si incontrerà con la guida per una riunione informativa durante la quale saranno forniti gli aspetti salienti della spedizione e si procederà ai preparativi e all’allestimento dell’equipaggiamento. Il 12 aprile il trasferimento in aeroporto e partenza con il volo speciale per Barneo (2 ore e mezza circa), il campo base situato a 89° di latitudine nord.

E’ questa la nuova avventura del bellunese Fabio De Mas che, mediante il sito della Bigmat ci illustra il viaggio.

«Immaginate immense distese di ghiaccio, venti polari e un campo che, date le estreme condizioni climatiche, resta aperto solo pochi mesi l’anno. Il Barneo Camp si trova proprio su un’immensa piattaforma di ghiaccio e ogni anno deve essere ricostruito. E’ dotato di una pista di atterraggio ed è la struttura principale per le visite al Polo Nord, raggiungibile in elicottero, sci o con le slitte trainate da cani.

Il campo è composto da tende, appositamente studiate per il soggiorno in questi luoghi. Sono tende rigide, dunque attrezzate per i venti polari e all’interno hanno una temperatura compresa tra i 15 e i 18 gradi. Il campo è scrupolosamente organizzato per l’accoglienza, sia essa turistica che scientifica. C’è una tenda mensa dedicata ai pasti che vengono serviti a orari precisi mentre te, caffè o snack si possono trovare in qualsiasi momento. E’ qui che visitatori e turisti possono incontrarsi e conoscersi. Inoltre si può contare anche sulla presenza di un medico per il pronto soccorso.

Trovandosi su una grande lastra di ghiaccio soggetta a movimento, il Barneo Camp deve essere ricostruito ogni anno: alla fine della stagione tutte le attrezzature vengono smontate e rimosse in attesa della stagione successiva.

Avamposto ottimale per le ricerche e gli studi al polo nord, dal primo aprile il Barneo Camp si apre al turismo internazionale. L’ha rivelato in un’intervista il ricercatore russo Artur Chilingarov responsabile del progetto di cooperazione internazionale in Artide e Antartide.

La stazione, sembra, rimarrà aperta per un mese e mezzo. Aprile dopotutto è il periodo migliore per un viaggio al Polo Nord.

Si apre dunque un luogo fino adesso inaccessibile ai più, meta dei più coraggiosi esploratori, simbolo della volontà umana e del desiderio di scoperta e conquista.

Un’esperienza affascinante che può segnare una vita».

Informazioni su Redazione 10218 Articoli
GOBelluno Notizie © è un quotidiano on line che tratta argomenti inerenti alla Provincia di Belluno. E' una testata giornalistica registrata al Tribunale di Belluno in data 21/12/2011 al n. 7 del Registro della stampa e con Direttore Luca Mares.

Commenta per primo

Lascia un tuo commento all'articolo ...

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.